Passa ai contenuti principali

Tecnologia Jeep® 4xe e pneumatici invernali: il massimo della sicurezza



Al netto di possibili eccezioni stabilite dalle amministrazioni locali, l’articolo 6 del Codice della Strada prevede l’obbligo di adottare pneumatici invernali – o avere a bordo mezzi antisdrucciolevoli – dal 15 novembre 2023 sino al 15 aprile 2024 e la legge ammette un mese di deroga, il che significa che le gomme invernali possono essere montate a partire dal 15 ottobre: da questa settimana è già dunque possibile organizzarsi per il cambio.


Sebbene ogni SUV Jeep® offra sempre le migliori prestazioni in fuoristrada, relativamente al segmento di appartenenza, grazie alla specifica architettura, agli angoli caratteristici, alle soluzioni tecniche e alla tecnologia 4xe Plug-In Hybrid, è sempre bene ricordare che gli pneumatici sono l’unico punto di contatto tra qualsiasi mezzo di trasporto su ruote e le strada, e che la scelta della gommatura più adeguata consente di esprimere al meglio le qualità dinamiche di ogni vettura. È molto importante dunque utilizzare coperture idonee alle condizioni climatiche, e gli pneumatici invernali sono preziosi alleati della sicurezza stradale, capaci di garantire direzionalità e tenuta di strada in condizioni ambientali particolarmente avverse, e offrendo prestazioni migliori per quanto riguarda la frenata, la salita e la discesa da una rampa innevata, la precisione nella sterzata, l’handling e il comfort su un percorso misto.


 


Jeep® Compass 4xe: un’esperienza di guida ottimale su strada e fuoristrada


Una gommatura adeguata rappresenta un prezioso alleato anche per un SUV capace di offrire prestazioni di riferimento in fuoristrada come Jeep Compass 4xe, il best seller del brand Jeep che esprime qualità, innovazione tecnologica, versatilità e l’inimitabile capability off road di Jeep, specie nella versione Trailhawk, allestimento specifico per il fuoristrada più impegnativo. Grazie alla capacità di adattarsi sia all’uso quotidiano in città sia alle escursioni in fuoristrada, Compass è una scelta adatta a una vasta gamma di situazioni, dal viaggio in famiglia alle avventure off-road.

Jeep Compass Trailhawk offre una gamma di modalità di guida selezionabili tramite le funzionalità Selec-Terrain. Queste modalità includono Auto, Snow, Mud & Sand, Rock e la nuova modalità Sport. Ognuna di queste modalità adatta il veicolo alle condizioni specifiche del terreno, garantendo un’esperienza di guida ottimale.


 


4xe: il nuovo 4x4 secondo Jeep, leader in Italia


La sua tecnologia 4xe Plug-In Hybrid offre un motore a benzina da 1.3 litri con 180 CV e 275 Nm di coppia, abbinato a un cambio automatico a 6 marce. In sinergia con il motore termico, Compass dispone di una seconda unità elettrica all'avantreno che può attivare o disattivare il motore termico e recuperare energia durante le fasi di rilascio è un elemento chiave del sistema ibrido. Questo contribuisce al risparmio di carburante e alla riduzione delle emissioni. La potenza complessiva del sistema ibrido raggiunge i 240 CV sull’allestimento Trailhawk e su S, ed è disponibile anche la versione da 190 CV su Limited, Night Eagle e Business Plus, e garantisce prestazioni notevoli: accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 7,3 secondi e velocità massima di 200 km/h. E l’autonomia in modalità completamente elettrica raggiunge, in condizioni ottimali, i 50 km: un vantaggio significativo per chi cerca un'esperienza di guida a zero emissioni durante gli spostamenti quotidiani o immerso nella natura, sempre in totale sicurezza.


 


La famiglia 4xe: Renegade, Compass, Wrangler, Grand Cherokee


Grazie alla tecnologia Plug-In Hybrid, i modelli Jeep 4xe sono i SUV Jeep più performanti e divertenti da guidare di sempre, letteralmente capaci di “andare ovunque e di fare qualsiasi cosa”, in ossequio al noto claim “Go Anywhere, Do Anything”. Allo stesso tempo sono vetture ideali per la guida quotidiana in città, per merito della tecnologia ibrida plug-in che consente di viaggiare a zero emissioni di CO2 e con un’autonomia urbana di circa 50 km in modalità full-electric. A bordo di Jeep Renegade, Jeep Compass, Jeep Wrangler, Jeep Grand Cherokee, dunque, il divertimento diventa efficiente e la proverbiale capability off road Jeep esprime equilibrio tra piacere di guida e una maggiore attenzione per l’ambiente.

Gli automobilisti italiani, anche nel mese di settembre, hanno dimostrato grande apprezzamento verso questa tecnologia che non a caso mantiene la leadership domestica nel mercato Plug-In Hybrid, in coerenza con il primato nel mercato dei veicoli “alla spina” raggiunto sia nel 2021 sia nel 2022. Non solo: nel progressivo annuo 2023, Jeep Compass 4xe si conferma il veicolo Plug-In Hybrid in assoluto più venduto nel mercato italiano, ed è anche il C-SUV più venduto considerando tutte le motorizzazioni, sia termiche sia elettrificate.

Commenti

Post popolari in questo blog

Top 50 in Italia a febbraio 2024

Dati vendita in Italia a febbraio

Stellantis inizierà la produzione di veicoli elettrici a Luton a partire dal 2025

Stellantis produrrà furgoni elettrici nel suo stabilimento di Luton dal 2025 Luton diventerà il secondo stabilimento Stellantis nel Regno Unito a produrre veicoli elettrici, dopo la trasformazione di Ellesmere Port nel primo stabilimento di produzione in serie di soli veicoli elettrici del Regno Unito Luton produrrà furgoni elettrici di medie dimensioni per Vauxhall, Citroën, Peugeot e FIAT Professional Nel 2024 inizieranno i lavori per preparare l'impianto alla produzione limitata di furgoni elettrici medi, oltre alla produzione continua di furgoni ICE Lo stabilimento di Luton ha aperto i battenti nel 1905 e produce furgoni dal 1932 Stellantis è l'unico OEM che produce furgoni in grandi quantità nel Regno Unito   Stellantis ha annunciato che la produzione dei suoi furgoni elettrici medi inizierà nello stabilimento di Luton a partire dalla prima metà del 2025. La produzione limitata di furgoni medi completamente elettrici del gruppo inizierà nella primavera del prossimo anno, r

Fiat Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il soprannome con cui gli italiani l’hanno sempre chiamata. Sono orgoglioso di presentare questa serie speciale in un giorno speciale, infatti, posso anche annunciare che Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La storia d'amore tra Panda e l'Italia continuerà così ancora per molti anni grazie ai nuovi investimenti che l'hanno resa la più tecnologica e sicura di sempre. Oggi c’è anche un altro motivo per celebrare la Panda: abbiamo infatti deciso di aumentare la produzione del 20% per soddisfare la domanda dei clienti in Italia e in Europa. Panda continua a essere leader di mercato in Italia e leader di segmento in Europa: ed è anche l'unica ibrida di segmento A del Gruppo".

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube (LINK), è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina"

FIAT offrirà propulsori elettrici, ibridi e ICE per soddisfare le esigenze dei clienti dovunque essi vivano nel mondo.

In un mercato globale della mobilità in continua evoluzione, ci sono coloro che sognano un futuro migliore e altri che compiono dei passi concreti verso un domani più sostenibile e responsabile. FIAT ha dimostrato che il futuro è già arrivato svelando la nuova famiglia di concept ispirata a Panda. Il primo nuovo prodotto sarà rivelato il prossimo luglio seguito dal lancio di un nuovo modello all’anno fino al 2027. La nuova serie di modelli è stata progettata per conquistare le strade di tutto il mondo e completare la gamma del marchio. Grazie a Stellantis, FIAT ha accesso a una nuova piattaforma globale, sulla quale FIAT ha aggiunto la sua creatività italiana: una ricetta che unisce bellezza e soluzioni semplici. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis in un video girato a Ginevra -frazione del comune di Castenedolo in provincia di Brescia che ha lo stesso nome della città Elvetica in cui si tiene il Salone dell'Auto- alla guida di una

Nuova Fiat Panda 2024

La prima nuova Fiat in arrivo è la City Car. Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico

Fiat Panda 4x4

La passione per le sfide appartiene anche alla seconda generazione di Panda 4x4, quella che nasce sulla base del nuovo modello che fa il suo esordio nel 2004 aggiudicandosi, per la prima volta per una compatta del segmento A, il prestigioso titolo “Car of the Year 2004”. Prodotta nello stabilimento polacco di Tychy, i primi esemplari della seconda generazione sono proprio la Panda 4x4 e la sua variante “Climbing”, alle quali si aggiungerà, a partire dal 2005, la versione Cross che si caratterizza per un frontale inedito, un paraurti totalmente ridisegnato e nuovi fari circolari. Due le motorizzazioni in gamma: il 1.2 a benzina da 60 CV e, dalla fine del 2005, il turbodiesel 1.3 Multijet da 69 CV, che ha contribuito in maniera decisiva a fare della Panda 4x4 la fuoristrada più venduta in Italia per tre anni consecutivi (2006, 2007 e 2008). La maggiore novità è rappresentata dal passaggio dalla trazione integrale inseribile della prima Panda 4x4 a un sistema di trazione integrale permane

Come funziona il propulsore Mild Hybrid di Fiat Panda

Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elevata. Il basamento cilindri, sviluppato in collaborazione con Teksid, è realizzato in lega d’alluminio pressofuso ad alta pressione con canne cilindri in ghisa cofuse, contribuisce sia a ridurre i tempi di warm-up sia a contenere il peso del motore in appena 77 kg. Inoltre, la massimizzazione dell’efficienza passa anche attraverso la riduzione deg

Alfa Romeo 33 Stradale

L’essenzialità del design e dei materiali contraddistingue anche gli interni - disponibili nelle configurazioni Tributo, omaggio alla vettura storica, e Alfa Corse quale espressione di massima sportività– essendo tutto concepito e finalizzato al massimo coinvolgimento dell’esperienza di guida. All'interno della 33 si respira, come sulla vettura storica, il preciso intento di offrire un approccio alla guida totalmente depurato da tutte le interazioni necessarie sulle vetture convenzionali. Pochi comandi utili alla guida trovano spazio sulla consolle centrale. Davanti al guidatore è collocato un display che, grazie ad una tridimensionalità del “cannocchiale” ad esso applicato, coinvolge il guidatore in una interazione unica nel suo genere. Il volante, come ogni Alfa Romeo, è il primo “mezzo di comunicazione” con la vettura; anch’esso privo di tutti i tasti normalmente in esso collocati, lascia assaporare il puro piacere di guida grazie anche alle preziose palette del cambio in allumi