Passa ai contenuti principali

Fiat Hispano 514: quando la Fiat sognava un grande polo industriale a Guadalajara



Alla fine del 2022, la Fiat Doblò ha iniziato la produzione a Vigo, segnando una pietra miliare nella storia del marchio in Spagna, iniziando così la sua produzione nel nostro Paese.

Più di settant'anni prima, un'auto compatta dalla vocazione popolare, la Fiat Hispano 514, iniziò la produzione a Guadalajara come punta di diamante dell'implementazione industriale del marchio italiano nel mercato spagnolo.

L'azienda italiana acquisì nel 1931 gli stabilimenti Hispano-Suiza nella capitale di Alcarreña per un ambizioso piano di implementazione in Spagna, con 3.000 dipendenti. Tuttavia, l’instabilità politica e gli effetti della Grande Depressione fecero deragliare il progetto.

Il Centro di Produzione Stellantis di Vigo produce, da poco più di un anno, il versatile Fiat Doblò e la sua versione elettrica, la Fiat E-Doblò. Per molti, questi veicoli commerciali ricchi di soluzioni innovative e ingegnose furono le prime Fiat prodotte in Spagna. Tuttavia, ebbero un predecessore che avrebbe fatto della Fiat una casa costruttrice saldamente radicata nel nostro Paese con epicentro a Guadalajara: la Fiat Hispano 514, di cui furono assemblate circa 300 unità tra il 1931 e il 1935.


Presente sul mercato spagnolo dal 1919, Fiat Hispania era uno dei marchi automobilistici più importanti in Spagna all'inizio del XX secolo. Nel 1921 aprì una delle prime concessionarie moderne proprio sulla Gran Vía di Madrid. Uno spazio costruito con grande dettaglio. Progettato dall'architetto italiano Enrico Daverio, le sue pareti erano appese alle opere del pittore Ignacio Zuloaga e le sue finestre erano decorate con vetrate della Casa Maumejean. Disponeva di nove grandi sale per l'esposizione delle ultime Fiat, spazi di vendita, uffici amministrativi e un negozio di ricambi.


Alla fine degli anni '20 tutto sembrava favorire una crescita spettacolare del settore automobilistico in Spagna. Il boom economico che segnò il decennio insieme all'ambizioso piano autostradale e di opere pubbliche avviato dalla dittatura di Primo de Rivera diedero un forte impulso alla motorizzazione. I grandi produttori internazionali erano in agguato contro i produttori spagnoli, protetti da forti dazi, che continuavano a produrre in modo artigianale automobili per una clientela di alto livello.


Nel 1931, la prestigiosa marca Hispano-Suiza, produttrice, tra gli altri, di auto di lusso e di motori d'aviazione, decise di vendere gran parte della sua fabbrica aperta dieci anni prima a Guadalajara, sotto l'impulso del re Alfonso XIII, uno dei suoi migliori clienti . L'acquirente fu il marchese di Pescara, proprietario della Fabbrica Nazionale di Automobili che, in meno di un mese, vendette alla Fiat sia lo stabilimento di Alcarreña che l'utilizzo del marchio “Hispano”. Ampio e ben collegato tramite ferrovia e strada, offriva grandi possibilità.


L'azienda italiana si affrettò a presentare un progetto dettagliato al Ministero dell'Industria, che lo ricevette il 2 marzo dello stesso anno. Se fosse andata avanti, avrebbe trasformato Guadalajara in una capitale automobilistica nella Spagna centrale. La Fiat intendeva produrre due modelli, uno piccolo e popolare a quattro cilindri, la Fiat 514, che stava riscontrando un grande successo in Italia fin dal suo lancio nel 1929 grazie al prezzo contenuto e alla meccanica affidabile, e una proposta di gamma medio-alta che La Fiat 521, spaziosa, comoda e robusta, non sarebbe mai stata prodotta in Spagna.


All'inizio, l'impianto riceverà i suoi componenti dall'Italia, ma, gradualmente, questi verranno fabbricati in Spagna fino a raggiungere, tra il 1935 e il 1936, l'80% di pezzi di origine nazionale. Si inizierà con 600 operai per arrivare a 3.000 dipendenti quando funzionava a pieno regime.. Per avviarlo arrivarono da Torino l'architetto Vittorio Bonadè Bottino, futuro architetto della fabbrica Mirafiori, e l'ingegnere Ugo Gobbatto, specialista in grandi strutture. La produzione iniziò rapidamente e, prima dell'estate, 35 unità della Nuova Fiat 514 “Hispano” erano già uscite dalle catene di montaggio.


Con un'estetica ispirata alle berline americane che tanto successo ebbero in Spagna, la Fiat 514 Hispano aveva tutto per avere successo. Nel nostro Paese è stata prodotta e commercializzata la versione a 4 porte del modello italiano. Alla guida si distingueva per l'affidabilità e le ottime prestazioni del suo motore da 28 CV mentre gli interni presentavano ottime finiture, con un quadro strumenti molto completo per gli standard dell'epoca. La Fiat 514 Hispano si distingueva dalle sorelle italiane per le finiture cromate sulla griglia anteriore e per un logo che riportava il tricolore repubblicano sulla parte superiore del radiatore.


Ma la politica spagnola aveva altri progetti: mesi dopo aver ottenuto l’approvazione del governo e il sostegno della Corona, le elezioni municipali culminarono nella proclamazione della Seconda Repubblica, aprendo un periodo di grande instabilità politica, aggravata dagli effetti della Grande Depressione che cominciava a farsi sentire nell’economia. La svalutazione della peseta, gli ostacoli burocratici all'importazione dei materiali e l'aumento delle tariffe hanno minato la redditività dello stabilimento di Guadalajara. Si stima che la Fiat abbia perso 1.500 peseta per ogni vettura prodotta (circa 3.800 euro oggi, tenendo conto dell'inflazione).


Infine, nel 1935, 4 anni e circa 300 automobili prodotte dopo, la Fiat vendette gli stabilimenti di Alcarreña al suo primo proprietario, Hispano-Suiza, che prevedeva di utilizzarli per la produzione aeronautica, lasciando dietro di sé progetti che sarebbero stati decisivi per favorire lo sviluppo industriale di Guadalajara e della sua regione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Alfa Romeo JUNIOR ibrida

Junior offre due soluzioni di motricità per la versione Ibrida: trazione anteriore oppure trazione integrale Q4, una novità nel segmento premium, che sarà disponibile in una fase successiva. JUNIOR IBRIDA adotta un’architettura 48v Hybrid VGT (Variable Geometry Turbo) da 136 CV. L’unità termica adotta il motopropulsore 3 cilindri da 1,2 litri a ciclo Miller con turbo a geometria variabile e catena di distribuzione per la massima affidabilità. La componente elettrica è composta da una batteria agli ioni di litio da 48 volt e un motore elettrico da 21 kW integrato nell’ innovativo cambio a doppia frizione e 6 rapporti che opera insieme all’ inverter e la centralina della trasmissione per garantire la massima efficienza. JUNIOR IBRIDA offre un’esperienza di guida estremamente fluida e consente di procedere in modalità elettrica per oltre il 50% in città; JUNIOR garantisce guida in elettrico non solo nelle manovre di parcheggio o a basse velocità cittadine ma anche su percorsi extraurbani,

Alfa Romeo JUNIOR è ordinabile

È ordinabile la JUNIOR SPECIALE, versione di lancio top di gamma disponibile nelle motorizzazioni IBRIDA (136CV) ed ELETTRICA (156CV). JUNIOR SPECIALE, limitata esclusivamente all’edizione di lancio, sintetizza sportività, tecnologia e comfort in una configurazione unica che prevede una selezione mirata dei migliori contenuti offerti in gamma. Negli esterni, spicca la nuova reinterpretazione dello scudetto “Progresso”, le finiture sportive opache con inserti nel nuovo e già iconico rosso Brera e cerchi in lega “Petali” da 18”. L’abitacolo è impreziosito da tratti sportivi e contenuti esclusivi come gli interni “Spiga” in vinile e tessuto, il volante in pelle ed il sedile guidatore a movimentazione elettrica con funzione massaggio. La cura nei dettagli è assicurata dall’elegante e distintiva illuminazione interna a 8 colori che caratterizza le bocchette aria, il tunnel centrale e l’iconico Cannocchiale. Completano un allestimento estremamente ricco le dotazioni di sicurezza: JUNIOR SPE

NUOVA ALFA ROMEO MILANO: LA SPORTIVITA’ DIVENTA COMPATTA

Benvenuta MILANO, la nuova compatta che riporta la sportività Alfa Romeo nel segmento di mercato più grande d’Europa. Un simbolico “ben tornato” a chi ha amato Giulietta e Mito, e un caldo benvenuto a una nuova generazione di Alfisti. MILANO ridefinisce i canoni di bellezza nel segmento. Design italiano opera del Centro Stile Alfa Romeo (Torino): connessione emotiva al primo sguardo, grazie alla reinterpretazione degli stilemi tipici del marchio. Dinamica di guida best in class. MILANO porta il tipico piacere di guida Alfa Romeo nel segmento delle compatte, grazie a soluzioni tecniche specifiche frutto di un processo di sviluppo coordinato dalla stessa squadra che ha progettato Giulia GTA. Comfort e praticità ai vertici del segmento, come dimostra il bagagliaio più capiente tra i competitor premium (400l) e la soluzione Alfa Romeo Cable Organizer. MILANO è “ELETTRICA”, con batteria da 54 kWh, proposta in 2 varianti di potenza: 156 CV, e la top di gamma VELOCE con 240 CV. MILANO ELETTRI

Alfa Romeo JUNIOR Elettrica

Nella versione elettrica di Junior, Alfa Romeo sceglie un sistema di propulsione di nuova generazione, che unisce un motore elettrico (Hybrid Synchronous Motor) e una batteria di ultima generazione. Grazie alle elevate potenza e coppia e a una specifica taratura del gruppo propulsore elettrico, la nuova compatta sportiva offre un piacere di guida senza compromessi con dinamica ai vertici del segmento. Disponibile in due versioni di potenza, 156CV o 240 CV, la nuova vettura assicura prestazioni d’eccellenza e una guida coinvolgente e sportiva come ogni Alfa Romeo. La batteria da 54 kWh offre un’elevata densità di energia e un ottimo rapporto tra energia nominale ed energia utilizzabile. In particolare, nella versione da 156CV, il pacco batterie agli ioni di litio assicura 410 Km di autonomia nel ciclo WLTP, che diventano oltre 590 Km nel ciclo urbano. Ricaricare la nuova Junior è semplicissimo: nelle stazioni di ricarica rapida da 100 kW in corrente continua, sono sufficienti meno di 30

Fiat Mobi vince il premio Miglior Rivendita, assegnato da Quatro Rodas e KBB

- Il modello Fiat ha vinto il primo posto nella sua categoria   - I premi evidenziano i veicoli che si sono svalutati meno nell'ultimo anno  Dal 2016 la Fiat Mobi è un esempio di auto democratica e questo vale anche quando il veicolo viene venduto. Tanto che il modello è stato riconosciuto nel premio Best Reseller, assegnato da Quatro Rodas e Kelley Blue Book (KBB), essendo l'auto che si è deprezzata meno nel suo segmento nell'ultimo anno.   Il Mobi si è distinto nella categoria “Subcompact Access Hatch”, dove ha perso il 27,8% in valore, il miglior tasso del segmento. In effetti, non è solo sotto questo aspetto che Mobi se la cava bene. È anche uno dei modelli più venduti nel paese. Alla fine del primo trimestre dell'anno erano già immatricolate 14.665 unità.   Riferimento nel mercato, il premio Best Resale riconosce le automobili e i veicoli commerciali leggeri con il deprezzamento più basso su un periodo di 12 mesi. Per arrivare al risultato, i valutatori utilizzano

È STATA VARATA UNA BARCA FIAT 500 – E POTRESTI POSSEDERE O FARNE UNA

È stata creata una barca in edizione limitata ispirata all'iconica Fiat 500 "Car 500 Off-Shore" è un vero riflesso dell'artigianato italiano, richiamando il design elegante e la ricca tradizione della Fiat 500 per offrire un nuovo modo innovativo di navigare i mari La barca dispone di due salotti reclinabili, ideali per prendere il sole, e raggiunge velocità fino a 24 miglia all'ora Sono state costruite 500 unità della "Car 500 Off-Shore" e un numero limitato è disponibile anche per l'acquisto Disponibile per il noleggio lungo la Costiera Amalfitana dove puoi anche pagare per avere una proposta di matrimonio   È stata varata una barca ispirata alla Fiat 500 chiamata "Car 500 Off-Shore". L'edizione limitata, unica nel suo genere, presenta tutte le caratteristiche distintive dell'iconica Fiat 500, tuttavia sono replicate con materiali di qualità marina e adattate alla nuova funzionalità.  Ideata dall'imprenditore italiano Antonio

Alfa Romeo: non va bene Milano? Allora Junior!

In una delle settimane più importanti per il futuro di Alfa Romeo, un esponente del Governo Italiano dichiara che l’utilizzo del nome Milano, scelto dal marchio per chiamare la nuova compatta sportiva appena presentata, è vietato per legge. Il nome Milano, tra i favoriti del pubblico, era stato scelto per rendere tributo alla città dove tutto ebbe origine nel 1910. Non è la prima volta che Alfa Romeo chiede il parere del pubblico per scegliere il nome di una vettura. Successe già nel 1966 con la Spider 1600: in quel caso il nome scelto dal pubblico era stato Duetto. Pur ritenendo che il nome Milano rispetti tutte le prescrizioni di legge, e in considerazione del fatto che ci sono temi di stretta attualità più rilevanti del nome di una nuova autovettura, Alfa Romeo decide di cambiare il nome da Milano a Junior, nell’ottica di promuovere un clima di serenità e distensione. Il team Alfa Romeo ringrazia il pubblico per l’enorme numero di feedback ricevuti, la rete dei concessionari italian

Esplorando l'Autobianchi Y10: Un'icona della mobilità urbana italiana

Nel panorama automobilistico italiano degli anni '80 e '90, l'Autobianchi Y10 ha lasciato un'impronta indelebile come simbolo di stile, innovazione e praticità. Questo veicolo compatto ha conquistato il cuore di molte persone, diventando un'icona della mobilità urbana. Storia e Sviluppo L'Autobianchi Y10 è stata lanciata sul mercato nel 1985 come erede della celebre Autobianchi A112. Progettata dalla casa automobilistica italiana Autobianchi, conosciuta per la sua collaborazione con Fiat e Lancia, la Y10 ha rappresentato un passo avanti nel design e nelle tecnologie automobilistiche dell'epoca. Il suo design distintivo, curato dallo studio di design Bertone, ha reso la Y10 immediatamente riconoscibile sulle strade italiane. Le sue linee agili e compatte erano perfette per la guida in città, mentre l'abitacolo confortevole e ben progettato offriva un'esperienza di guida piacevole anche per lunghi viaggi. Caratteristiche e Tecnologia Nonostante le dime

ALFA ROMEO MILANO LA GAMMA IBRIDA ed ELETTRICA con 3 pack per il massimo in TECNOLOGIA, ESCLUSIVITA’ o SPORTIVITA’

Alfa Romeo MILANO presenta una logica di gamma che rende ancora più semplice la configurazione da parte del cliente. MILANO è offerta in 4 motorizzazioni: IBRIDA da 136 CV, IBRIDA Q4 da 136 CV, ELETTRICA da 156 CV e ELETTRICA VELOCE da 240CV. Tre pack completano l’offerta: Techno, per la massima dotazione in termini di sicurezza tecnologia e funzionalità; come la guida autonoma di livello 2, il portellone elettrico con hands free, i proiettori LED Matrix e la navigazione connessa con assistente virtuale. Premium per il massimo comfort e esclusività grazie agli interni misto vinile-tessuto, sedile guidatore movimentato elettricamente con funzione massaggio, illuminazione d’ambiente interna e pedaliera e battitacco in alluminio. Sport che per definizione conferisce il massimo della sportività con Sedili Sabelt, rivestimenti in Alcantara e caratterizzazione sportiva negli esterni.

Fiat Professional: tecnologia, versatilità, design e soluzioni pratiche al servizio di liberi professionisti e aziende

• Fiat Professional rinnova la sua gamma di veicoli commerciali incorporando un design con personalità, motori elettrici con maggiori prestazioni, autonomia e velocità di ricarica e un intero arsenale di tecnologie e soluzioni innovative. • In questa nuova generazione, la Fiat E-Ducato, sviluppata interamente dall'azienda italiana, aumenta la sua autonomia del 30% e riduce i tempi di ricarica e debutta soluzioni ingegnose come la panca Eat&Work mentre la Fiat Scudo rafforza il suo carattere di veicolo compatto su fuori e grande dentro e il Nuovo Fiat Doblò fa un ulteriore passo avanti nella connettività. • Fiat è uno dei marchi con maggiore esperienza nel mercato dei veicoli commerciali, con oltre un secolo di esperienza nello sviluppo di soluzioni per tutti i tipi di aziende e lavoratori. Fiat Professional vanta un'esperienza senza eguali nel campo dei veicoli commerciali. Dal lancio della Fiat 24 HP 120 anni fa, l'azienda italiana ha progettato e prodotto furgoni, fur