Passa ai contenuti principali

Quando l'Alfa Romeo era un costruttore di motori aeronautici che produceva anche automobili



Attualmente riconosciuto come un marchio automobilistico premium dall'inconfondibile DNA sportivo, Alfa Romeo è legata al mondo dell'aviazione fin dalle sue origini.

Il primo veicolo a lasciare gli stabilimenti del Portello nel 1910 non fu un'auto, ma un biplano equipaggiato con una versione adattata del motore Alfa 24 HP. Nei decenni successivi i motori Alfa Romeo ebbero un grande successo internazionale per le loro prestazioni e affidabilità, stabilendo diversi record mondiali.

Gli anni '30 furono il periodo d'oro dell'Alfa Romeo come produttrice di motori aeronautici, attività che rappresentava l'80% del suo fatturato e che fu il seme dell'attuale stabilimento Stellantis di Pomigliano d'Arco.

 


Madrid, 20 giugno 2024 – Nel 1910, l'imprenditore italiano Ugo Stella decise di creare il proprio marchio automobilistico, che chiamò ALFA, con ingegneri come Giuseppe Merosi, tecnici come Antonio Santoni e collaudatori e piloti da competizione nella sua squadra. , come Nino Franchini. A quei tempi Santoni e Franchini avevano in mano un progetto ambizioso: sviluppare un aereo in grado di attraversare le Alpi. Stella non esitò a mettergli a disposizione una parte delle sue strutture per raggiungere il suo obiettivo, anche Giuseppe Merosi le mise a disposizione le sue conoscenze tecniche e il motore su cui stava lavorando per la prima vettura del marchio.


I lavori aeronautici furono eseguiti in tempi molto rapidi e, in pochi mesi, il promettente biplano in metallo e legno Alfa 24 HP Santoni-Franchini poté varcare la soglia dello stabilimento del Portello per il suo battesimo dell'aria. Mesi prima l'Alfa 24 HP a quattro ruote aveva fatto lo stesso. Il test fu un completo successo: divenne il primo aereo a sorvolare Milano e le principali autorità erano presenti ad applaudire i suoi ideatori all'atterraggio. Ugo Stella approfittò di questo evento e del fatto che il motore dell'aereo fosse basato su quello che avrebbe equipaggiato la sua prima vettura per trasformare questo volo in un asset pubblicitario per evidenziare la qualità, le prestazioni e l'affidabilità dell'Alfa in tutti i settori. Inizia così una storia che unirà il “Biscione” all’aviazione per più di ottant’anni.


L'Alfa, che diventerà Alfa Romeo nel 1919, continuò parallelamente l'attività automobilistica e aeronautica. Oltre a Merosi e Santoni, anche molti dei suoi leggendari ingegneri come Jano, Trevison, Colombo, Busso o lo spagnolo Wilfredo Ricart dedicarono il loro talento a portare ai vertici il nome del marchio, lavorando su motori aeronautici sempre più sofisticati. Durante la Prima Guerra Mondiale l'Alfa produsse motori per gli aerei della Regia Aeronautica italiana su licenza dei produttori britannici e, nel 1926, fece un passo avanti ottenendo la licenza Bristol per il motore stellare Jupiter a 9 cilindri, che sarebbe stato la base del futuro sviluppi dell’Alfa Romeo.


Nel 1932 l'Alfa Romeo venne incorporata nell'IRI (Istituto per la Ricostruzione Industriali), una holding pubblica d'impresa. I nuovi dirigenti decisero di dare la massima priorità alla divisione aeronautica, per garantire all'Italia l'autonomia tecnologica. Il risultato fu lo sviluppo di motori potenti e affidabili che ebbero un grande successo internazionale. Si è lavorato sui progressi tecnici, come le leghe Duralfa, a base di alluminio, utilizzate nelle eliche, nei pistoni, nelle testate dei cilindri e in altri componenti. Nello stesso periodo in cui le auto Alfa Romeo espandevano le loro imprese sportive, gli aerei dotati delle loro eliche stabilivano 13 record mondiali di velocità, altitudine e distanza e vincevano raid come l'Istres-Damasco-Parigi del 1937, in cui i Savoia-Marchetti 70 hanno conquistato i tre box del podio.


Alla fine degli anni '30, quando le automobili dell'Alfa Romeo erano costruite dagli specialisti più prestigiosi e ambite dalle classi più abbienti d'Europa, l'attività aeronautica rappresentava già l'80% del suo fatturato. Per adattarsi a questa nuova realtà, si decise di costruire uno stabilimento dedicato esclusivamente a questa attività e un piccolo aeroporto per effettuare le prove necessarie molto vicino a Napoli, a Pomigliano d'Arco, che avrebbe aperto i battenti nel 1939 e che avrebbe essere il seme dell'attuale stabilimento Stellantis, dove viene prodotta l'Alfa Romeo Tonale.


Ad inaugurare i nuovi impianti, viene lanciato il motore dell'Alfa Romeo 135, 18 cilindri a doppia stella che, con 2000 CV, riuscì a essere il più potente dell'epoca. Di lì a poco scoppierà la Seconda Guerra Mondiale e la produzione e la manutenzione della meccanica aeronautica diventeranno le principali protagoniste, senza tralasciare evoluzioni tecniche come il motore Alfa Romeo 128, che segnò una pietra miliare consentendo al trimotore Savoia Marchetti 75 di essere in grado di volare da Milano a Tokyo senza scalo e ritorno, coprendo una distanza di 20.000 km.


Nel Dopoguerra l'industria automobilistica torna ad essere il fulcro dell'Alfa Romeo, ma non viene mai trascurata l'aeronautica. L'Alfa Romeo collaborò tecnicamente, progettava e produceva componenti, motori e reattori per le case più prestigiose del settore, come General Electric, Rolls Royce e Pratt & Whitney fino a quando, negli anni '80, avvenne la vendita dell'Alfa Romeo Avio SpA ad Aeritalia , ponendo fine ad oltre settant'anni di presenza del “Biscione” nei cieli di tutto il mondo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fiat Grande Panda: presentazione 11 luglio 2024

FIAT ha presentato la nuova Grande Panda, un modello globale che segna un'evoluzione significativa per il marchio. Ispirata alla Panda degli anni '80, la Grande Panda è un'auto compatta del segmento B, lunga meno di 4 metri, progettata per soddisfare le esigenze delle famiglie e della mobilità urbana in diverse regioni del mondo. Questo veicolo sarà disponibile in versioni elettrica e ibrida, con un design dinamico e un utilizzo intelligente dello spazio interno. Progettata dal Centro Stile di Torino, la Grande Panda combina linee strutturate e superfici morbide, con un look distintivo che celebra l'eredità italiana del marchio. La Grande Panda è il primo di una nuova serie di modelli che FIAT lancerà annualmente fino al 2027, tutti basati sulla piattaforma globale multi-energy Smart Car Platform, per offrire soluzioni diversificate e innovative ai clienti di tutto il mondo.

Nuova Fiat Grande Panda

La Grande Panda segna il ritorno della FIAT sul mercato consumer globale. È stato sviluppato sulla base di 3 pilastri: design italiano, piattaforma globale e rilevanza locale. Sostenibilità, inclusività, semplicità e bellezza sono i valori che hanno dato vita al progetto, mentre il design si ispira all'iconica Panda degli anni '80, il 'blue jean' dell'industria automobilistica, qualcosa di perfetto per ogni occasione e per ogni occasione. occasione. cliente. È quindi un’auto socialmente rilevante, l’auto per tutti. La Grande Panda è letteralmente il clone della prima Panda, rendendola un nuovo veicolo del segmento B, conveniente e adatto alle famiglie. Il prezzo della Grande Panda parte da meno di 25.000 euro per la versione completamente elettrica e da meno di 19.000 euro per quella ibrida. Progettata in Italia presso il Centro Stile FIAT di Torino, la Grande Panda si basa su un'idea semplice: una piattaforma multienergia unica e installabile in qualsiasi parte

La Panda più tecnologica di sempre

La nuova gamma Panda presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, la dotazione di serie include inedite funzionalità pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: la frenata autonoma d'emergenza per ridurre i tamponamenti, nel traffico cittadino; segnalazione superamento di corsia e rilevatore di stanchezza per avvisare il conducente quando è stanco. È incluso anche il Sistema di lettura dei limiti di velocità, che rileva e riconosce i segnali stradali visualizzandoli sul nuovo quadro strumenti da 7'' completamente digitale. Passando dalla sicurezza alla praticità, i sensori di parcheggio posteriori assicurano la massima semplicità nelle manovre di parcheggio nelle affollate vie cittadine, mentre il nuovo Cruise Control - disponibile sulla versione base con City Pack e di serie sulla Pandina - mantiene la velocità impostata, a partire da 30 km/h, senza dover premere il piede sul pedale dell'acceleratore. Inoltre, gli abbaglianti automatici (di seri

FIAT darà una anticipazione dei progetti futuri. Save the Date – FIAT 125° Anniversario – Conferenza stampa Live streaming

Olivier Francois, CEO di FIAT, ospiterà "Smiling to the future", l’evento organizzato per celebrare il 125° anniversario di FIAT presso lo storico edificio del Lingotto. All’evento interverranno John Elkann, Presidente di Stellantis, e Carlos Tavares, CEO di Stellantis. FIAT darà una anticipazione dei progetti futuri e inaugurerà la nuova "Casa FIAT" presso la Pinacoteca Agnelli. Conferenza Stampa giovedi 11 luglio alle ore 16,45.

Fiat 500e Giorgio Armani

In occasione del importante anniversario della FIAT e simbolicamente anche in occasione del compleanno del Maestro Giorgio Armani, è stata annunciata un'importante partnership tra Giorgio Armani e FIAT. I due marchi italiani di fama mondiale, che già avevano collaborato nel 2020 con il lancio di una 500esima unica ed esclusiva, hanno unito le forze per creare quella che potrebbe essere la più bella espressione del Made in Italy su 4 ruote: la 500esima Giorgio Armani. Mai prima d'ora due icone, che rappresentano il design italiano, lo stile, l'artigianato, l'ingegno e il successo in tutto il mondo, si sono unite per creare un vero "instant classic". Come suggerisce lo spot proiettato in anteprima all'evento, si tratta di un'auto da indossare, non da guidare, e un omaggio alla maestria del Centro Stile FIAT e del Centro Stile Armani di Torino. I designer di entrambe le aziende hanno lavorato fianco a fianco per mesi per distillare l'anima di entrambi

È STATA VARATA UNA BARCA FIAT 500 – E POTRESTI POSSEDERE O FARNE UNA

È stata creata una barca in edizione limitata ispirata all'iconica Fiat 500 "Car 500 Off-Shore" è un vero riflesso dell'artigianato italiano, richiamando il design elegante e la ricca tradizione della Fiat 500 per offrire un nuovo modo innovativo di navigare i mari La barca dispone di due salotti reclinabili, ideali per prendere il sole, e raggiunge velocità fino a 24 miglia all'ora Sono state costruite 500 unità della "Car 500 Off-Shore" e un numero limitato è disponibile anche per l'acquisto Disponibile per il noleggio lungo la Costiera Amalfitana dove puoi anche pagare per avere una proposta di matrimonio   È stata varata una barca ispirata alla Fiat 500 chiamata "Car 500 Off-Shore". L'edizione limitata, unica nel suo genere, presenta tutte le caratteristiche distintive dell'iconica Fiat 500, tuttavia sono replicate con materiali di qualità marina e adattate alla nuova funzionalità.  Ideata dall'imprenditore italiano Antonio

NUOVO PEUGEOT E-RIFTER UN MULTISPAZIO PIENO DI VITALITÀ

Alla stregua di tutta la gamma PEUGEOT, E-RIFTER porta l'elettrificazione e l'efficienza a un livello ancora più alto. Nuovo PEUGEOT E-RIFTER dimostra la sua capacità di offrire ai diversi clienti una straordinaria facilità di utilizzo per una vita quotidiana entusiasmante. ALLURE: un design ancora più espressivo per un carattere avventuroso. EMOZIONE: tecnologie inedite per esaltare il piacere di guidare e di viaggiare. ECCELLENZA: connesso ed efficiente, con una motorizzazione elettrica che offre fino a 320 km di autonomia. L'obiettivo di PEUGEOT è diventare il marchio generalista leader nel mercato elettrico entro il 2025. PEUGEOT E-RIFTER fa parte della gamma elettrica della casa francese, che è la più ampia fra quelle dei costruttori europei, con 9 autovetture elettriche e 3 veicoli commerciali leggeri elettrici. Nell'ambito di questa strategia, il nuovo PEUGEOT E-RIFTER migliora in termini di elettrificazione, con un'autonomia 100% elettrica che raggiunge ora

Al via la 1000 Miglia 2024 di Alfa Romeo

Riparte oggi da Brescia la carovana della corsa “più bella del mondo”, la 42esima edizione della 1000 Miglia, la celebre gara di regolarità per auto d’epoca prodotte fino al 1957. Alfa Romeo prende parte alla “classica” bresciana con 2 gioielli della sua collezione museale: La 1900 Sport Spider (1954) condotta da Nicola Larini, campione del DTM 1993 insieme al navigatore Luca Ciucci e la 1900C Super Sprint (1956) che vedrà alternarsi al volante il giornalista dall’anima classica Andrea Farina insieme a Davide Cironi, personalità del motorismo più emozionale. Le due rarità d'epoca saranno accompagnate dal debutto dinamico della nuova sportiva compatta Alfa Romeo Junior e dalle esclusive Giulia e Stelvio Quadrifoglio Super Sport, che rendono omaggio alla prima vittoria dell’Alfa Romeo alla 1000 Miglia del 1928 con la 6C 1500 Super Sport. Alfa Romeo racconta la sua “Digital 8 bit”: vivi l’avventurosa 1000Miglia sui canali social ufficiali di Alfa Romeo. Alfa Romeo rivive la gara insie

Jeep® Compass MY24

La Jeep® Compass tecnologicamente più avanzata di sempre introduce una serie di funzioni avanzate di sicurezza e protezione, con la disponibilità di un sistema di guida semiautonoma. Oltre 80 dotazioni di serie, e un veicolo ininterrottamente connesso al conducente, grazie ai servizi telematici TBM ora standard anche sulla versione e-Hybrid. Con l'obiettivo di offrire ai clienti prodotti su misura per ogni loro esigenza, all’insegna della “freedom of choice”, nuova Jeep Compass MY24 presenta una gamma inedita, sempre ricca ma semplice e intuitiva. Il nuovo modello privilegia l'elettrificazione per unire prestazioni e sostenibilità ambientale, con il motore plug-in hybrid 4xe che offre la leggendaria potenzialità off road Jeep, per ogni avventura, e il gruppo motopropulsore e-Hybrid capace di fornite propulsione unicamente elettrica all’avviamento, a basse velocità, durante la navigazione e nelle manovre di parcheggio.   Jeep® Compass è prodotta in molteplici stabilimenti in tut

Alpine A290_β

Alpine A290_β dà inizio a un nuovo capitolo della storia di Alpine. Facendo leva sulla sua eredità e DNA sportivo, Alpine si lancia alla conquista di nuovi segmenti, a cominciare da quello delle city car sportive. Con il suo design, materiali e tecnologie, questa show-car incarna un nuovo modo di vivere la sportività elettrica, offrendo grandi emozioni sia al conducente che ai passeggeri. In un’epoca in cui la decarbonizzazione della mobilità diventa di fondamentale importanza nel settore automobilistico, Alpine A290_β è più di una show-car: è l’incarnazione della grande ambizione e del forte impegno di Alpine, tutto a vantaggio della sportività sostenibile. La scelta del nome A290_β è in linea con la strategia globale di nome della Alpine: i nomi cominciano con la lettera “A”, seguita da tre numeri. Il “2” si riferisce al segmento B e il “90” alla futura gamma “lifestyle” della Alpine. La lettera “Beta” dell’alfabeto greco fa riferimento alla fase intermedia di sviluppo, prima del lan