Passa ai contenuti principali

Crescita del fatturato del 21% in 9 mesi grazie a una politica commerciale ben organizzata e all’offensiva prodotto in Europa



Primi 9 mesi del 2023:

Fatturato del Gruppo a 37,4 miliardi di euro, +21,1% rispetto ai primi 9 mesi del 2022, +25,3% a tassi di cambio costanti.

Fatturato del Ramo Auto a 34,2 miliardi di euro, +20,1% rispetto ai primi 9 mesi del 20221, +24,2% a tassi di cambio costanti2

Immatricolazioni del Gruppo in crescita del 10,9% a livello mondiale e del 21,3% in Europa

Terzo trimestre 2023:

Fatturato del Gruppo a 10,5 miliardi di euro, +7,6% rispetto al terzo trimestre 20221, +13,8% a tassi di cambio costanti2

Fatturato del Ramo Auto a 9,4 miliardi di euro, +5,0% rispetto al terzo trimestre 20221, +11,3% a tassi di cambio costanti2

Immatricolazioni del Gruppo in crescita del 6,1% a livello mondiale e del 15,3% in Europa

Continua il forte effetto prezzi per 7,5 punti nel trimestre

Il portafoglio ordini in Europa si riconferma molto positivo, con 2,5 mesi di vendite previste a fine settembre

Confermate le prospettive del 2023:

Margine operativo del Gruppo tra il 7% e l’8%

Free cash-flow superiore o pari a 2,5 miliardi di euro

Il Gruppo Renault prevede un margine operativo del Gruppo nel secondo semestre superiore a quello del primo semestre, che era pari al 7,6%.


«Il Gruppo Renault continua a registrare un’ottima performance nel terzo trimestre, con un fatturato totale in aumento del 13,8% a tassi di cambio costanti. Siamo entrati nell’ultimo trimestre con fiducia e confermiamo il miglioramento della redditività nel secondo semestre e oltre, grazie all’offensiva prodotto, ma anche ai vantaggi derivati dal nostro programma di contenimento dei costi e alla politica commerciale ben organizzata e centrata sul valore.  Nel frattempo, stiamo accelerando tutti i progetti della Revolution. Questo trimestre è stato molto attivo. Abbiamo lanciato ufficialmente Horse e siglato l’accordo di joint-venture con Geely. Lo scorporo di Ampere avverrà a Novembre, e presenteremo in dettaglio la sua strategia nel Capital Market Day del 15 novembre. Abbiamo anche già annunciato il Progetto Flexis in collaborazione con Volvo Group e CMA CGM, un vero e proprio game changer per affrontare le sfide dell’elettrificazione dei veicoli commerciali leggeri nel settore della logistica urbana. Stiamo progressivamente costruendo la nostra azienda automobilistica di prossima generazione.


Infine, dopo la firma degli accordi definitivi dell’Alleanza a Luglio, confermiamo che la conclusione della transazione è prevista per fine anno, come da programma.  Ciò consentirà di creare ulteriore valore tramite progetti operativi condivisi e darà al Gruppo Renault l’opportunità di riallocare parte del capitale in modo ottimale», ha dichiarato Thierry Piéton, Direttore Finanziario del Gruppo Renault.


 


Progetti della Revolution – ultimi sviluppi:

Horse (entità dedicata ai gruppi motopropulsori avanzati ibridi e termici a basse emissioni):

Scorporo effettivo il 1° luglio 2023.

Firma di un accordo di joint-venture vincolante l’11 luglio con Geely, per permettere il deconsolidamento di Horse e l’inizio di una nuova joint-venture al momento della conclusione della transazione.

Discussioni in corso con Aramco.

Ampere:

Scorporo effettivo a Novembre 2023.   

Capital Market Day il 15 novembre 2023.

Ricerca della migliore finestra per l’IPO, più probabilmente nel primo semestre 2024.

Progetto Flexis:

Accordi vincolanti firmati dal Gruppo Renault e Volvo Group per lanciare una nuova azienda (con quote di partecipazione iniziali al 50%) per fungere da pionieri e leader del mercato dei veicoli commerciali leggeri elettrici con una nuova generazione di furgoni 100% elettrici.

Anche CMA CGM Group prevede di entrare a far parte della nuova azienda.

Firma degli accordi definitivi della nuova azienda prevista a inizio 2024.

Alleanza:

Accordi definitivi firmati a Luglio 2023. Conclusione della transazione prevista per il quarto trimestre, come da programma. Una volta conclusa l’operazione, il Gruppo Renault sarà in grado di monetizzare il 28,4% delle azioni Nissan cedute a una Società fiduciaria francese.


[1] I dati del 2022 comprendono le riclassificazioni per la prima applicazione della norma IFRS 17 "Contratti assicurativi”.


[2] Per analizzare la variazione del fatturato consolidato sulla base di tassi di cambio costanti, il Gruppo Renault ricalcola il fatturato dell’esercizio in corso applicando i tassi di cambio medi del periodo precedente.

Risultati commerciali: dati salienti del terzo trimestre  

Le vendite mondiali del Gruppo totalizzano 511.000 veicoli nel terzo trimestre 2023, con un aumento del 6,1% rispetto al terzo trimestre 2022. In Europa, le vendite registrano una crescita del 15,3%.


Le vendite mondiali della Marca Renault si attestano a circa 357.000 unità, con un aumento dell’11,0% rispetto al terzo trimestre 2022. In Europa, la Marca Renault incrementa le vendite del 24,8%, con 223.000 unità.

Nei primi 9 mesi del 2023, Renault consolida la seconda posizione come Marca automobilistica più venduta in Europa, con una crescita del 22,2% rispetto al 2022, e riconferma la sua leadership sul mercato francese, sia nel settore delle autovetture che in quello dei veicoli commerciali leggeri.

Renault continua a sovraperformare sul mercato dei veicoli commerciali leggeri, con una crescita nei 9 mesi del 21% a livello mondiale, ma soprattutto in Europa, con un incremento del 25,5%. Renault è leader europeo del mercato dei furgoni e furgonette.

Dacia registra 494.000 unità vendute a livello mondiale, con un incremento del 16,7% nei primi 9 mesi del 2023. Nel terzo trimestre, Dacia ha venduto 148.000 unità a livello mondiale, con una crescita del 2,4% rispetto al terzo trimestre 2022.

I principali 4 modelli Dacia registrano un incremento delle vendite nei primi 9 mesi del 2023: Spring +40,6%, Sandero +18,3%, Duster +4,1% e Jogger +76,1%.

Nel mercato a privati, Dacia si riconferma sul secondo gradino del podio europeo[1] da inizio anno.

Alpine registra oltre 1.000 unità vendute nel terzo trimestre 2023, con un aumento del 31% rispetto al terzo trimestre 2022.

Continua il forte effetto prezzi per 7,5 punti nel trimestre:


Focus sulle vendite a privati, con il 64% delle vendite del Gruppo in questo canale nei principali cinque Paesi europei del Gruppo[2].

Le vendite delle autovetture della Marca Renault del segmento C e superiori in Europa crescono del 27% nel terzo trimestre 2023 rispetto al terzo trimestre 2022.

Renault Megane E-TECH Electric registra un totale di 11.500 unità vendute nel terzo trimestre 2023. Nei primi 9 mesi, il 70% delle vendite si è concentrato sugli allestimenti alto di gamma e l’80% sulle motorizzazioni più potenti. Megane E-TECH Electric rappresenta il 2,2% del mercato dei veicoli elettrici in Europa.

Renault Austral registra circa 21.000 unità vendute nel terzo trimestre 2023. Nei primi 9 mesi, il 65% delle vendite si è concentrato sulle motorizzazioni ibride e il 60% sugli allestimenti alto di gamma.

Renault Espace, lanciato a Giugno, amplia l’offerta e registra circa 2.400 unità vendute. Sarà progressivamente introdotto su nuovi mercati.

Il Gruppo Renault prosegue l’offensiva nell’elettrificazione:


La Marca Renault registra un aumento del 22% del volume delle autovetture elettrificate[3] nel terzo trimestre 2023 rispetto al terzo trimestre 2022, settore che rappresenta il 43% delle vendite di autovetture della Marca in Europa. I veicoli 100% elettrici rappresentano l’11% delle vendite di autovetture in Europa nel terzo trimestre 2023.

Questa dinamica continuerà ad essere sostenuta da Espace E‑Tech Hybrid e dall’arrivo di Nuova Clio dotata di motore ibrido nel cuore di gamma. A partire dal 2024, la gamma di veicoli elettrici Renault accelererà ulteriormente lo sviluppo, in particolare, con Scenic E-Tech e Renault 5.

Dacia Jogger Hybrid 140 rappresenta 1 ordine di Jogger su 4. Jogger è un prodotto chiave per attrarre nuovi profili di clienti e la sua versione ibrida funge da supporto alla strategia di elettrificazione di Dacia.

Dacia Spring (100% elettrica) registra circa 16.000 unità vendute in Europa nel terzo trimestre 2023. Si riconferma sul podio dei veicoli elettrici venduti a privati in Europa, essendo il modello elettrico più accessibile del mercato.

Fatturato del terzo trimestre

Il fatturato del Gruppo del terzo trimestre 2023 ammonta a 10,5 miliardi di euro, con un aumento del 7,6% rispetto al terzo trimestre 2022. A tassi di cambio costanti[1], il fatturato del Gruppo è cresciuto del 13,8%.


Il fatturato del Ramo Auto si attesta a 9,4 miliardi di euro, con una crescita del 5,0% rispetto al terzo trimestre 2022, o +11,3% a tassi di cambio costanti. L’effetto cambio negativo pari a -6,3 punti è essenzialmente dovuto alla svalutazione del Peso argentino e, in minor misura, della Lira turca.


Il resto della variazione è imputabile a quanto segue:


Effetto volume per -1,6 punti. La crescita delle immatricolazioni del 6% è stata compensata dalla maggior riduzione degli stock nella rete dei concessionari indipendenti nel terzo trimestre 2023 rispetto al terzo trimestre 2022 e dal ritorno ai normali andamenti stagionali.

Effetto mix geografico positivo per 3,1 punti, dovuto al maggior mix vendite in Europa.

Effetto prezzi ancora forte, per +7,5 punti. Riflette il proseguimento della politica commerciale centrata sul valore, gli aumenti prezzo per compensare l’effetto valuta e l’ottimizzazione degli sconti commerciali.  

Effetto mix prodotto stabile (-0,4 punti), dovuto soprattutto al forte impatto del fine vita della fase 1 di Clio il cui fatturato unitario è inferiore rispetto alla media del Gruppo Renault e alla minor fatturazione nel trimestre di Megane E-tech in linea con la riduzione degli stock, a compensazione dell’impatto positivo di Austral ed Espace.

Impatto positivo delle vendite ai partner per +2,9 punti, sostenuto principalmente da un mercato dinamico dei veicoli commerciali leggeri, che promuove le vendite a Nissan, Renault Trucks e Mercedes-Benz, ma anche dalla produzione dell’ASX per Mitsubishi Motors.

Effetto “Altro” per -0,2 punti. Il calo del contributo del fatturato della Rete Renault Retail Group in seguito alla cessione delle filiali è stato parzialmente compensato dai risultati delle attività ricambi e servizi.

I Servizi di mobilità contribuiscono per 11 milioni di euro al fatturato del terzo trimestre 2023 rispetto ai 9 milioni di euro del terzo trimestre 2022.


Mobilize Financial Services registra un fatturato di 1.102 milioni di euro nel terzo trimestre 2023, con una crescita del 36,4% rispetto al terzo trimestre 2022, grazie all’aumento dei tassi di interesse, all’incremento dei nuovi contratti e al maggior importo medio finanziato per unità.


Gli asset produttivi medi (per 52,1 miliardi di euro) sono aumentati del 15,6% rispetto al terzo trimestre 2022, grazie al riapprovvigionamento dei veicoli ai concessionari e all’aumento del 15,9% dei nuovi finanziamenti per i clienti privati.  


Al 30 settembre 2023, gli stock complessivi (compresa la rete dei concessionari indipendenti) sono diminuiti a 542.000 veicoli con:


Stock del Gruppo pari a 226.000 veicoli

Stock dei concessionari indipendenti pari a 316.000 veicoli  

Il calo rispetto alle 569.000 unità di fine Giugno 2023 è in linea con l’obiettivo di attestarsi al di sotto delle 500.000 unità a fine anno.


Il livello di stock è conforme al portafoglio ordini, che si mantiene a 2,5 mesi di vendite previste a fine settembre.


Prospettive finanziarie 2023 

Il Gruppo Renault conferma le sue prospettive finanziarie per l’esercizio 2023 con:

Margine operativo del Gruppo tra il 7% e l’8%

Free cash-flow superiore o pari a 2,5 miliardi di euro.

Il Gruppo Renault prevede un margine operativo del Gruppo nel secondo semestre superiore a quello del primo semestre, che era pari al 7,6%.

Commenti

Post popolari in questo blog

Stellantis inizierà la produzione di veicoli elettrici a Luton a partire dal 2025

Stellantis produrrà furgoni elettrici nel suo stabilimento di Luton dal 2025 Luton diventerà il secondo stabilimento Stellantis nel Regno Unito a produrre veicoli elettrici, dopo la trasformazione di Ellesmere Port nel primo stabilimento di produzione in serie di soli veicoli elettrici del Regno Unito Luton produrrà furgoni elettrici di medie dimensioni per Vauxhall, Citroën, Peugeot e FIAT Professional Nel 2024 inizieranno i lavori per preparare l'impianto alla produzione limitata di furgoni elettrici medi, oltre alla produzione continua di furgoni ICE Lo stabilimento di Luton ha aperto i battenti nel 1905 e produce furgoni dal 1932 Stellantis è l'unico OEM che produce furgoni in grandi quantità nel Regno Unito   Stellantis ha annunciato che la produzione dei suoi furgoni elettrici medi inizierà nello stabilimento di Luton a partire dalla prima metà del 2025. La produzione limitata di furgoni medi completamente elettrici del gruppo inizierà nella primavera del prossimo anno, r

Top 50 in Italia a febbraio 2024

Dati vendita in Italia a febbraio

Fiat Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il soprannome con cui gli italiani l’hanno sempre chiamata. Sono orgoglioso di presentare questa serie speciale in un giorno speciale, infatti, posso anche annunciare che Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La storia d'amore tra Panda e l'Italia continuerà così ancora per molti anni grazie ai nuovi investimenti che l'hanno resa la più tecnologica e sicura di sempre. Oggi c’è anche un altro motivo per celebrare la Panda: abbiamo infatti deciso di aumentare la produzione del 20% per soddisfare la domanda dei clienti in Italia e in Europa. Panda continua a essere leader di mercato in Italia e leader di segmento in Europa: ed è anche l'unica ibrida di segmento A del Gruppo".

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube (LINK), è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina"

FIAT offrirà propulsori elettrici, ibridi e ICE per soddisfare le esigenze dei clienti dovunque essi vivano nel mondo.

In un mercato globale della mobilità in continua evoluzione, ci sono coloro che sognano un futuro migliore e altri che compiono dei passi concreti verso un domani più sostenibile e responsabile. FIAT ha dimostrato che il futuro è già arrivato svelando la nuova famiglia di concept ispirata a Panda. Il primo nuovo prodotto sarà rivelato il prossimo luglio seguito dal lancio di un nuovo modello all’anno fino al 2027. La nuova serie di modelli è stata progettata per conquistare le strade di tutto il mondo e completare la gamma del marchio. Grazie a Stellantis, FIAT ha accesso a una nuova piattaforma globale, sulla quale FIAT ha aggiunto la sua creatività italiana: una ricetta che unisce bellezza e soluzioni semplici. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis in un video girato a Ginevra -frazione del comune di Castenedolo in provincia di Brescia che ha lo stesso nome della città Elvetica in cui si tiene il Salone dell'Auto- alla guida di una

Come funziona il propulsore Mild Hybrid di Fiat Panda

Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elevata. Il basamento cilindri, sviluppato in collaborazione con Teksid, è realizzato in lega d’alluminio pressofuso ad alta pressione con canne cilindri in ghisa cofuse, contribuisce sia a ridurre i tempi di warm-up sia a contenere il peso del motore in appena 77 kg. Inoltre, la massimizzazione dell’efficienza passa anche attraverso la riduzione deg

Nuova Fiat Panda 2024

La prima nuova Fiat in arrivo è la City Car. Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico

Fiat Panda 4x4

La passione per le sfide appartiene anche alla seconda generazione di Panda 4x4, quella che nasce sulla base del nuovo modello che fa il suo esordio nel 2004 aggiudicandosi, per la prima volta per una compatta del segmento A, il prestigioso titolo “Car of the Year 2004”. Prodotta nello stabilimento polacco di Tychy, i primi esemplari della seconda generazione sono proprio la Panda 4x4 e la sua variante “Climbing”, alle quali si aggiungerà, a partire dal 2005, la versione Cross che si caratterizza per un frontale inedito, un paraurti totalmente ridisegnato e nuovi fari circolari. Due le motorizzazioni in gamma: il 1.2 a benzina da 60 CV e, dalla fine del 2005, il turbodiesel 1.3 Multijet da 69 CV, che ha contribuito in maniera decisiva a fare della Panda 4x4 la fuoristrada più venduta in Italia per tre anni consecutivi (2006, 2007 e 2008). La maggiore novità è rappresentata dal passaggio dalla trazione integrale inseribile della prima Panda 4x4 a un sistema di trazione integrale permane

Nuova Lancia Ypsilon HF

Rendering di Motor1.com Nel 2025 arriverà la Nuova Lancia Ypsilon HF. Le modifiche comprenderanno assetto ribassato, larghezza aumentata, nuova taratura per lo sterzo e altro ancora. Le batterie potrebbero essere le stesse da 51 kWh della Lancia Ypsilon 2024, dove dichiarano fino a 403 km di autonomia. Per quanto riguarda le prestazioni è stato dichiarato che lo 0-100 sarà completato in 5,8". Esteticamente è facile immaginare la presenza di nuovi dettagli sportivi come ala posteriore e splitter anteriore. Luca Napolitano, CEO di Lancia, ha annunciato che a maggio verrà presentata l'intera gamma della nuova Ypsilon, sia in versione elettrica sia con motore ibrido. Nel mese di giugno Lancia sarà alla Mille Miglia e sarà l'occasione per conoscere meglio la nuova Lancia Ypsilon HF, che arriverà nel 2025 e il piano per il Motorsport. La nuova Lancia Ypsilon HF avrà 240 CV.