Passa ai contenuti principali

Performance energetica: il consumo di energia dei siti industriali del Gruppo Renault sotto controllo grazie al portale Ecogy



Net Zero Carbon. Questo è l’impegno del Gruppo Renault per il Centro ElectriCity e per lo stabilimento di Cléon entro il 2025, nonché per tutti i siti industriali europei entro il 2030. Per riuscirci, tutte le iniziative si concentrano su due politiche industriali: energia a basse emissioni di carbonio ed efficienza energetica. Per quanto riguarda quest’ultima, il prerequisito indispensabile è conoscere e gestire in tempo reale il consumo dei siti. Una sfida non indifferente per i team del Gruppo Renault impegnati sul campo. Ma oggi il problema è risolto grazie ad un portale operativo ed efficace noto come Ecogy, sviluppato all’interno del Gruppo stesso in tempi record. Quindi cos’è Ecogy? Come viene utilizzato? Che azioni concrete permette di intraprendere e per quale risparmio energetico? Seguiamo le nostre guide… Sébastien e Xavier ci racconteranno tutto.

Guidare un’auto senza cruscotto. Ecco un’immagine eloquente di come il Gruppo Renault gestirebbe il consumo energetico dei suoi siti industriali in assenza del portale Ecogy. Questo strumento di misurazione, trattamento dati e analisi in tempo reale è necessario per migliorare la performance energetica dei singoli siti e, nel complesso, del Gruppo che intende raggiungere l’obiettivo ambizioso di zero emissioni nette di carbonio. Scopriamo con i nostri due esperti perché il dispositivo Ecogy è di fondamentale importanza.

È da diversi anni che abbiamo installato numerosi contatori per l’aria compressa, il gas e l’elettricità. Questo ci permette di avere un’idea più precisa dei consumi, individuando meglio i modi per risparmiare energia. Ma tutto ciò non basta, bisogna poter sfruttare i dati. Per aiutarci in questo compito, abbiamo sviluppato internamente, in meno di 6 mesi, uno strumento digitale che ci consente di analizzare i risultati molto velocemente. Si tratta di “Ecogy”.


Sébastien, Responsabile della decarbonizzazione dello stabilimento di Cléon


La situazione: un’enorme sfida

A Sébastien piace parlar chiaro: «I siti industriali sono di per sé energivori». Nel 2021, i siti industriali europei del Gruppo Renault hanno consumato 4 TWh, di cui 2,1 TWh in Francia. Un quantitativo che equivale al consumo annuo di elettricità di una città di 2,2 milioni di abitanti, come ad esempio, Parigi intramuros.


«Questi dati danno un’idea della sfida colossale legata al miglioramento della performance energetica dei siti del Gruppo Renault», ha precisato Xavier, esperto di innovazioni del settore.


Conoscere il consumo complessivo di un sito è una cosa, sapere nel dettaglio come e cosa consuma è un’altra. Da questo punto di vista, era ancora tutto da fare.

Il prerequisito: conoscere i singoli consumi sul campo

Per giungere al portale Ecogy come lo conosciamo oggi, il primo step della strategia di efficientamento energetico del Gruppo Renault è consistito nell’installare 10.000 sensori nelle officine (di cui 1.500 nel 2022) e nel connettere 8.500 processi al cloud soprattutto nei siti industriali, ma anche in quelli del settore terziario (Technocentre).


Nello stabilimento di Cléon sono stati installati 2.500 contatori elettrici e 15 contatori del gas e dell’aria compressa, ricorda Sébastien. È così che ha avuto inizio l’avventura della gestione energetica!


Questo gigantesco piano di sviluppo ci ha permesso di conoscere esattamente i consumi di energia su grande e piccola scala, sia a livello complessivo di stabilimento che a livello dei singoli reparti di produzione. Non avevamo mai potuto contare su così tante informazioni, ricorda Sébastien con il sorriso sulle labbra.


 


Nello stabilimento di Cléon che produce i motori, dai rilevamenti è emerso che, a causa del calore necessario, l’attività che consuma più energia è di gran lunga quella della fonderia.


Per lo stesso motivo (il calore), è il reparto verniciatura che rappresenta il 39% dei consumi degli stabilimenti di carrozzeria-montaggio. Il secondo posto, con il 16%, è detenuto dai macchinari dello stabilimento (assemblaggio compreso). Sul terzo gradino del podio c’è il riscaldamento degli edifici, con il 10 %.

La sfida: monitorare costantemente e in tempo reale tutti i consumi

I sensori dello stabilimento inviano i dati al cloud 24 ore su 24, 7 giorni su 7», ha dichiarato Sébastien. «Il volume dei dati è enorme. Per raggrupparli, elaborarli, analizzarli e gestirli, avevamo assolutamente e velocemente bisogno di garantire continuità al tool informatico, dopo che la precedente soluzione era stata dismessa il 1° agosto. Ecogy è stato sviluppato internamente per rispondere perfettamente alle nostre esigenze, ricorda.  


Potendo contare sull’impegno e sulle competenze dei suoi team, il Gruppo Renault ha creato internamente il portale Ecogy in meno di sei mesi. Un solo portale per tutti i consumi dei siti: elettricità, aria, acqua, gas, ecc. Il lancio operativo di Ecogy, avvenuto il 1° agosto 2022, è un bell’exploit collettivo!


Efficiente e di facile utilizzo, Ecogy è un tool all’altezza delle aspettative. Ora sono più di 350 gli utenti che gestiscono ed analizzano i dati raccolti. Per condividere la problematica, ma anche le best practice, i 33 responsabili della gestione energetica degli stabilimenti (come Sébastien) si confrontano una volta alla settimana. È l’occasione giusta per condividere le loro dashboard personalizzate (ne sono state create oltre 2.000) e i consigli.


L’interfaccia Ecogy offre molto più di semplici dati grezzi! Consente di generare dashboard personalizzate ed è parametrizzabile a piacere: alert per consumi eccessivi, collegamenti con altri indicatori come le condizioni meteorologiche, confronti di consumi tra impianti confrontabili, ecc., ha precisato Sébastien con entusiasmo.


 


In ogni stabilimento, grazie ad Ecogy, il monitoraggio consente di scoprire eventuali scostamenti dalla norma o anomalie. A quel punto, partono le indagini per determinare le cause ed attuare una o più azioni correttive nel minor tempo possibile, ha affermato Sébastien con orgoglio.


Dato che il risparmio energetico e la riduzione della carbon footprint sono problemi comuni, la piattaforma recupera i dati dai fornitori di energia. «La condivisione delle informazioni permette a tutti i player di essere informati meglio, ad esempio, in caso di tensioni sulla rete del gas», ci ha confidato Sébastien.


I risultati: prime iniziative concrete per il risparmio energico

Il portale Ecogy ha messo in luce molte possibilità di ottimizzazione energetica dei siti industriali. Ha anche permesso di valutare velocemente gli effetti dei miglioramenti attuati, ha confidato Xavier con un certo orgoglio.


Nel sito industriale di Batilly, che produce i furgoni Master, ora sono i sensori a gestire la tenda di ventilazione termica installata per tagliare l’aria dalle porte di tipo “Nergeco” che conducono all’esterno. È stato così evitato l’80% delle perdite di calore, con un risparmio energetico corrispondente ad una spesa di 80.000 euro l’anno. 


A Sandouville (Trafic) sono stati installati variatori di velocità sui motori elettrici che attivano gli impianti di saldatura. Adattando la cadenza, questi dispositivi hanno permesso di ridurre i consumi del 7%.


A Cléon (motori e trasmissioni), i sensori hanno permesso di rilevare su una macchina una regolazione della climatizzazione anomala e diversa dalle altre. L’armonizzazione ha consentito di evitare, in breve tempo, il consumo energetico in eccesso.

Le prospettive e opportunità future: il digitale al servizio della performance energetica

Ora possiamo contare sullo storico di un anno di rilevazioni di consumi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in 25 siti. Questa miniera di informazioni è preziosa per gestire la performance energetica con strumenti digitali all’avanguardia, ha dichiarato Xavier. L’obiettivo è quello di stabilire schemi tipo ed ottenere proiezioni.


Il Gruppo Renault sta sviluppando un approccio predittivo del consumo energetico degli stabilimenti grazie all’intelligenza artificiale. «Questi lavori sono ancora in fase preparatoria, ma l’obiettivo a lungo termine è offrire ai siti uno schema predittivo del consumo giornaliero in funzione - ad esempio, per gli stabilimenti di montaggio - del numero di veicoli prodotti», ha aggiunto Xavier.


Grazie al potenziale dello strumento di monitoraggio Ecogy e allo sviluppo di soluzioni di intelligenza artificiale, il Gruppo Renault si prefigge l’obiettivo ambizioso di ridurre del 25% i consumi di tutti i suoi siti industriali dal 2021 al 2025.


Il miglioramento dell’efficienza energetica e delle iniziative per promuovere la compattezza dei siti ha già consentito di ridurre le emissioni inquinanti del 25%.


Sébastien, Xavier e tutti i team impegnati nella strategia di efficientamento energetico del Gruppo Renault possono essere orgogliosi del lavoro compiuto. È grazie alle loro attività che oggi il Gruppo Renault è sul podio dei costruttori automobilistici mondiali in termini di performance energetica nel settore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Stellantis inizierà la produzione di veicoli elettrici a Luton a partire dal 2025

Stellantis produrrà furgoni elettrici nel suo stabilimento di Luton dal 2025 Luton diventerà il secondo stabilimento Stellantis nel Regno Unito a produrre veicoli elettrici, dopo la trasformazione di Ellesmere Port nel primo stabilimento di produzione in serie di soli veicoli elettrici del Regno Unito Luton produrrà furgoni elettrici di medie dimensioni per Vauxhall, Citroën, Peugeot e FIAT Professional Nel 2024 inizieranno i lavori per preparare l'impianto alla produzione limitata di furgoni elettrici medi, oltre alla produzione continua di furgoni ICE Lo stabilimento di Luton ha aperto i battenti nel 1905 e produce furgoni dal 1932 Stellantis è l'unico OEM che produce furgoni in grandi quantità nel Regno Unito   Stellantis ha annunciato che la produzione dei suoi furgoni elettrici medi inizierà nello stabilimento di Luton a partire dalla prima metà del 2025. La produzione limitata di furgoni medi completamente elettrici del gruppo inizierà nella primavera del prossimo anno, r

Top 50 in Italia a febbraio 2024

Dati vendita in Italia a febbraio

Fiat Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il soprannome con cui gli italiani l’hanno sempre chiamata. Sono orgoglioso di presentare questa serie speciale in un giorno speciale, infatti, posso anche annunciare che Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La storia d'amore tra Panda e l'Italia continuerà così ancora per molti anni grazie ai nuovi investimenti che l'hanno resa la più tecnologica e sicura di sempre. Oggi c’è anche un altro motivo per celebrare la Panda: abbiamo infatti deciso di aumentare la produzione del 20% per soddisfare la domanda dei clienti in Italia e in Europa. Panda continua a essere leader di mercato in Italia e leader di segmento in Europa: ed è anche l'unica ibrida di segmento A del Gruppo".

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube (LINK), è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina"

FIAT offrirà propulsori elettrici, ibridi e ICE per soddisfare le esigenze dei clienti dovunque essi vivano nel mondo.

In un mercato globale della mobilità in continua evoluzione, ci sono coloro che sognano un futuro migliore e altri che compiono dei passi concreti verso un domani più sostenibile e responsabile. FIAT ha dimostrato che il futuro è già arrivato svelando la nuova famiglia di concept ispirata a Panda. Il primo nuovo prodotto sarà rivelato il prossimo luglio seguito dal lancio di un nuovo modello all’anno fino al 2027. La nuova serie di modelli è stata progettata per conquistare le strade di tutto il mondo e completare la gamma del marchio. Grazie a Stellantis, FIAT ha accesso a una nuova piattaforma globale, sulla quale FIAT ha aggiunto la sua creatività italiana: una ricetta che unisce bellezza e soluzioni semplici. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis in un video girato a Ginevra -frazione del comune di Castenedolo in provincia di Brescia che ha lo stesso nome della città Elvetica in cui si tiene il Salone dell'Auto- alla guida di una

Come funziona il propulsore Mild Hybrid di Fiat Panda

Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elevata. Il basamento cilindri, sviluppato in collaborazione con Teksid, è realizzato in lega d’alluminio pressofuso ad alta pressione con canne cilindri in ghisa cofuse, contribuisce sia a ridurre i tempi di warm-up sia a contenere il peso del motore in appena 77 kg. Inoltre, la massimizzazione dell’efficienza passa anche attraverso la riduzione deg

Nuova Fiat Panda 2024

La prima nuova Fiat in arrivo è la City Car. Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico

Fiat Panda 4x4

La passione per le sfide appartiene anche alla seconda generazione di Panda 4x4, quella che nasce sulla base del nuovo modello che fa il suo esordio nel 2004 aggiudicandosi, per la prima volta per una compatta del segmento A, il prestigioso titolo “Car of the Year 2004”. Prodotta nello stabilimento polacco di Tychy, i primi esemplari della seconda generazione sono proprio la Panda 4x4 e la sua variante “Climbing”, alle quali si aggiungerà, a partire dal 2005, la versione Cross che si caratterizza per un frontale inedito, un paraurti totalmente ridisegnato e nuovi fari circolari. Due le motorizzazioni in gamma: il 1.2 a benzina da 60 CV e, dalla fine del 2005, il turbodiesel 1.3 Multijet da 69 CV, che ha contribuito in maniera decisiva a fare della Panda 4x4 la fuoristrada più venduta in Italia per tre anni consecutivi (2006, 2007 e 2008). La maggiore novità è rappresentata dal passaggio dalla trazione integrale inseribile della prima Panda 4x4 a un sistema di trazione integrale permane

Nuova Lancia Ypsilon HF

Rendering di Motor1.com Nel 2025 arriverà la Nuova Lancia Ypsilon HF. Le modifiche comprenderanno assetto ribassato, larghezza aumentata, nuova taratura per lo sterzo e altro ancora. Le batterie potrebbero essere le stesse da 51 kWh della Lancia Ypsilon 2024, dove dichiarano fino a 403 km di autonomia. Per quanto riguarda le prestazioni è stato dichiarato che lo 0-100 sarà completato in 5,8". Esteticamente è facile immaginare la presenza di nuovi dettagli sportivi come ala posteriore e splitter anteriore. Luca Napolitano, CEO di Lancia, ha annunciato che a maggio verrà presentata l'intera gamma della nuova Ypsilon, sia in versione elettrica sia con motore ibrido. Nel mese di giugno Lancia sarà alla Mille Miglia e sarà l'occasione per conoscere meglio la nuova Lancia Ypsilon HF, che arriverà nel 2025 e il piano per il Motorsport. La nuova Lancia Ypsilon HF avrà 240 CV.