Passa ai contenuti principali

IL GRUPPO RENAULT PREMIA I SUOI DIPENDENTI CON I TROPHÉES DE L’INNOVATION RENAULT FRÈRES 2023



Il Gruppo Renault ha appena assegnato i Trophées de l’Innovation Renault Frères 2023 che premiano gli inventori del Gruppo e rafforzano il ruolo dell’innovazione in azienda.

Quest’anno il concorso è andato ben oltre il dipartimento ingegneria, coinvolgendo tutti i Paesi e tutte le attività che trasformano il Gruppo Renault in un’azienda automobilistica della prossima generazione.

Le innovazioni, forza motrice della Renaulution, sono ovunque: intelligenza artificiale, economia circolare, compliance, connettività, cybersecurity, digitalizzazione, diversità e inclusione, equità, servizi finanziari, ciclo di vita, vita a bordo, processi, raison d’être, qualità di vita, sostenibilità, TCO, materie prime, valore residuo, sicurezza, software, formazione, spazi di lavoro, ecc.

Questa settimana, il Gruppo Renault ha assegnato i Trophées de l’Innovation Renault Frères 2023 in Francia nell’Hangar Y de Meudon, luogo leggendario dell’innovazione aeronautica del XIX e XX secolo. In questa terza edizione, sono stati premiati 10 team che hanno introdotto innovazioni in categorie diverse come Industria, Qualità, Rapporto con i clienti, Tecnologia, “Small & Smart” e Trasformazione.


Composte da dipendenti del Gruppo Renault, le squadre vincitrici si sono distinte tra i 570 team che si erano candidati quest’anno, presentando innovazioni già implementate negli ultimi mesi. I premi sono stati consegnati direttamente da Luca de Meo e dai membri del Top Management del Gruppo.


Renault è nata da un’innovazione introdotta circa 125 anni fa con l’invenzione della trasmissione a presa diretta. Da allora, il Gruppo non ha mai smesso di fare innovazione e, ad oggi, sono oltre 12.000 i brevetti attivi che costituiscono il capitale intellettuale dell’azienda.


Il ritmo con cui vengono introdotte le nuove tecnologie non è mai stato così elevato come negli ultimi anni e l’innovazione sta quindi assumendo un’importanza decisiva. Il Gruppo Renault lo ha capito e per questo stimola i talenti e le iniziative dei dipendenti, con il risultato che i depositi dei brevetti hanno subito una forte accelerazione dal 2021. Posta al centro della Renaulution, l’innovazione è un fattore di fondamentale importanza per costruire il futuro dell’industria automotive e delle nuove mobilità e per garantire la competitività del Gruppo.


L’innovazione non è solo una questione di tecnologia o qualcosa per gli ingegneri. È uno stato d’animo che dobbiamo coltivare in tutta l’azienda, dalle attività industriali al rapporto con i clienti, passando per la qualità, la tecnologia e i processi quotidiani! Alla fine di quest’anno, avremo quasi raddoppiato il numero di brevetti depositati dall’azienda rispetto a due anni fa. Luca de Meo, CEO del Gruppo Renault


LE INNOVAZIONI PREMIATE PER CATEGORIA

Categoria Tecnologia (3 premi)


Solarbay, tetto panoramico che può opacizzarsi o diventare trasparente on demand. High-tech, “magico” e utile, offre anche protezione termica, maggiore abitabilità in altezza e riduzione di peso.

Pack Sleep 3-in-1 di Dacia. Semplice, amovibile e accessibile, permette di trasformare Dacia Jogger in una vera e propria camera da letto.

Innovazione per ottimizzare il raffreddamento delle batterie dei veicoli ibridi ricorrendo ingegnosamente al refrigerante della climatizzazione.

Categoria Industria


La “Supply Chain Control Tower” garantisce l’approvvigionamento degli stabilimenti visualizzando in tempo reale le posizioni e i contenuti di tutti i camion circolanti tra fornitori e fabbriche in tutti i Paesi. Prevede i rischi di rifornimento connessi a condizioni meteorologiche, traffico, ecc. Suggerisce anche le migliori soluzioni per una maggiore sicurezza di approvvigionamento.


Categoria Qualità


“Confirmation Runs”: nuovi tipi di test su tutti i tipi di strada con un centinaio di collaudatori dipendenti del Gruppo al volante, per individuare gli ultimi assi di miglioramento affinché i veicoli siano al top al momento del lancio in termini di piacere di guida, qualità e affidabilità.


Categoria Rapporto con i clienti


Plug Inn è la App che mette in contatto i conducenti dei veicoli elettrici con i proprietari delle colonnine di ricarica private per offrire il più ampio accesso alle infrastrutture di ricarica.


Categoria “Small & Smart”


Utilizzo dell’Intelligenza Artificiale per convalidare a zero difetti i dispositivi di assistenza alla guida.


Categoria Trasformazione


Nuovo modus operandi che pone gli stabilimenti al centro della gestione collaborativa (stabilimento, ingegneria, rete, post-vendita) dell’incidentologia e della risoluzione degli incidenti dei clienti.


Infine, 2 premi speciali sono stati consegnati da Luca de Meo


Il primo per un’iniziativa individuale che consiste nello sviluppo di uno strumento industriale per il posizionamento istantaneo, simultaneo e preciso dei 48 fili degli statori elettrici.

Il secondo per un’innovazione del processo di verniciatura dei veicoli bi-tono, che consente di ridurre considerevolmente l’utilizzo di alcuni materiali (plastiche e nastri di protezione) e ridurre i rifiuti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Top 50 in Italia a febbraio 2024

Dati vendita in Italia a febbraio

Stellantis inizierà la produzione di veicoli elettrici a Luton a partire dal 2025

Stellantis produrrà furgoni elettrici nel suo stabilimento di Luton dal 2025 Luton diventerà il secondo stabilimento Stellantis nel Regno Unito a produrre veicoli elettrici, dopo la trasformazione di Ellesmere Port nel primo stabilimento di produzione in serie di soli veicoli elettrici del Regno Unito Luton produrrà furgoni elettrici di medie dimensioni per Vauxhall, Citroën, Peugeot e FIAT Professional Nel 2024 inizieranno i lavori per preparare l'impianto alla produzione limitata di furgoni elettrici medi, oltre alla produzione continua di furgoni ICE Lo stabilimento di Luton ha aperto i battenti nel 1905 e produce furgoni dal 1932 Stellantis è l'unico OEM che produce furgoni in grandi quantità nel Regno Unito   Stellantis ha annunciato che la produzione dei suoi furgoni elettrici medi inizierà nello stabilimento di Luton a partire dalla prima metà del 2025. La produzione limitata di furgoni medi completamente elettrici del gruppo inizierà nella primavera del prossimo anno, r

Fiat Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il soprannome con cui gli italiani l’hanno sempre chiamata. Sono orgoglioso di presentare questa serie speciale in un giorno speciale, infatti, posso anche annunciare che Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La storia d'amore tra Panda e l'Italia continuerà così ancora per molti anni grazie ai nuovi investimenti che l'hanno resa la più tecnologica e sicura di sempre. Oggi c’è anche un altro motivo per celebrare la Panda: abbiamo infatti deciso di aumentare la produzione del 20% per soddisfare la domanda dei clienti in Italia e in Europa. Panda continua a essere leader di mercato in Italia e leader di segmento in Europa: ed è anche l'unica ibrida di segmento A del Gruppo".

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube (LINK), è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina"

FIAT offrirà propulsori elettrici, ibridi e ICE per soddisfare le esigenze dei clienti dovunque essi vivano nel mondo.

In un mercato globale della mobilità in continua evoluzione, ci sono coloro che sognano un futuro migliore e altri che compiono dei passi concreti verso un domani più sostenibile e responsabile. FIAT ha dimostrato che il futuro è già arrivato svelando la nuova famiglia di concept ispirata a Panda. Il primo nuovo prodotto sarà rivelato il prossimo luglio seguito dal lancio di un nuovo modello all’anno fino al 2027. La nuova serie di modelli è stata progettata per conquistare le strade di tutto il mondo e completare la gamma del marchio. Grazie a Stellantis, FIAT ha accesso a una nuova piattaforma globale, sulla quale FIAT ha aggiunto la sua creatività italiana: una ricetta che unisce bellezza e soluzioni semplici. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis in un video girato a Ginevra -frazione del comune di Castenedolo in provincia di Brescia che ha lo stesso nome della città Elvetica in cui si tiene il Salone dell'Auto- alla guida di una

Nuova Fiat Panda 2024

La prima nuova Fiat in arrivo è la City Car. Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico

Fiat Panda 4x4

La passione per le sfide appartiene anche alla seconda generazione di Panda 4x4, quella che nasce sulla base del nuovo modello che fa il suo esordio nel 2004 aggiudicandosi, per la prima volta per una compatta del segmento A, il prestigioso titolo “Car of the Year 2004”. Prodotta nello stabilimento polacco di Tychy, i primi esemplari della seconda generazione sono proprio la Panda 4x4 e la sua variante “Climbing”, alle quali si aggiungerà, a partire dal 2005, la versione Cross che si caratterizza per un frontale inedito, un paraurti totalmente ridisegnato e nuovi fari circolari. Due le motorizzazioni in gamma: il 1.2 a benzina da 60 CV e, dalla fine del 2005, il turbodiesel 1.3 Multijet da 69 CV, che ha contribuito in maniera decisiva a fare della Panda 4x4 la fuoristrada più venduta in Italia per tre anni consecutivi (2006, 2007 e 2008). La maggiore novità è rappresentata dal passaggio dalla trazione integrale inseribile della prima Panda 4x4 a un sistema di trazione integrale permane

Come funziona il propulsore Mild Hybrid di Fiat Panda

Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elevata. Il basamento cilindri, sviluppato in collaborazione con Teksid, è realizzato in lega d’alluminio pressofuso ad alta pressione con canne cilindri in ghisa cofuse, contribuisce sia a ridurre i tempi di warm-up sia a contenere il peso del motore in appena 77 kg. Inoltre, la massimizzazione dell’efficienza passa anche attraverso la riduzione deg

Alfa Romeo 33 Stradale

L’essenzialità del design e dei materiali contraddistingue anche gli interni - disponibili nelle configurazioni Tributo, omaggio alla vettura storica, e Alfa Corse quale espressione di massima sportività– essendo tutto concepito e finalizzato al massimo coinvolgimento dell’esperienza di guida. All'interno della 33 si respira, come sulla vettura storica, il preciso intento di offrire un approccio alla guida totalmente depurato da tutte le interazioni necessarie sulle vetture convenzionali. Pochi comandi utili alla guida trovano spazio sulla consolle centrale. Davanti al guidatore è collocato un display che, grazie ad una tridimensionalità del “cannocchiale” ad esso applicato, coinvolge il guidatore in una interazione unica nel suo genere. Il volante, come ogni Alfa Romeo, è il primo “mezzo di comunicazione” con la vettura; anch’esso privo di tutti i tasti normalmente in esso collocati, lascia assaporare il puro piacere di guida grazie anche alle preziose palette del cambio in allumi