Passa ai contenuti principali

Stellantis inaugura il suo primo Hub di Economia Circolare a Torino



Situato nel comprensorio di Mirafiori, l’Hub di Economia Circolare SUSTAINera avvia la sua prima fase di attività con la rigenerazione di motori, cambi e batterie per veicoli elettrici ad alta tensione, il ricondizionamento e lo smontaggio dei veicoli con l’obiettivo di aggiungerne altre in futuro

Con un investimento di 40 milioni di euro, l’Hub di Economia Circolare prevede di impiegare 550 addetti entro il 2025

Un Hub tecnologicamente avanzato di 73.000 metri quadrati che nasce in una struttura riconvertita, per mettere in atto un approccio sostenibile alla produzione e al consumo    

Il business dell’Economia Circolare ricopre un ruolo fondamentale nell’obiettivo di Stellantis di diventare un’azienda a zero emissioni nette di carbonio entro il 2038

La business unit di Economia Circolare genererà oltre 2 miliardi di euro di ricavi entro il 2030, nell’ambito del piano strategico Dare Forward 2030

 


Oggi Stellantis N.V. ha celebrato l’apertura ufficiale del suo Hub di Economia Circolare SUSTAINera (Circular Economy Hub, CE Hub) situato all’interno del comprensorio di Mirafiori a Torino. L’Azienda ha sviluppato un piano completo per concretizzare le proprie ambizioni in Economia Circolare con un approccio a 360 gradi basato sulla strategia delle 4R: Reman (rigenerazione), Repair (riparazione), Reuse (riutilizzo) e Recycle (riciclo).


L’obiettivo primario di questo Hub di Economia Circolare all’avanguardia è quello di estendere la vita di componenti e veicoli, garantendo loro una durata più lunga. Quando questo non è più possibile, il materiale viene raccolto per il riciclo dall’attività di rigenerazione e da quella di smontaggio dei veicoli a fine vita, quindi reintrodotto nel ciclo di produzione per originare nuovi pezzi e nuovi veicoli. In questa prima fase, l’Hub di Economia Circolare ospiterà quattro attività, implementando la strategia delle 4R con l’obiettivo di espandersi ulteriormente:


Rigenerazione (Reman): i componenti usati, usurati o difettosi, come motori, cambi e batterie per veicoli elettrici, vengono smontati, puliti e rigenerati secondo le specifiche OEM originali (OEM: Original Equipment Manufacturer, produttore di apparecchiature originali), senza compromettere la qualità. L’obiettivo è offrire un’alternativa sostenibile e conveniente nell’offerta di ricambi Stellantis sotto l’identità SUSTAINera. La struttura prevede di gestire oltre 50.000 ricambi rigenerati entro il 2025 e 150.000 entro il 2030.

Centro di selezione (Rigenerazione, Riciclo): si stima che 2,5 milioni di componenti usati, detti anche “tolti d’opera”, andranno a rifornire le attività di rigenerazione e riciclo dello stabilimento entro il 2025, per diventare 8 milioni entro il 2030.

Ricondizionamento del veicolo (Riparazione, Rigenerazione e Riutilizzo): i veicoli saranno riparati sia a livello di carrozzeria sia a livello meccanico utilizzando ricambi nuovi, rigenerati o usati. Successivamente, i veicoli saranno reintrodotti nel mercato dell’usato tramite SPOTICAR, il programma di Stellantis per veicoli usati certificati dal produttore, e Stellantis &You, la rete di vendita e assistenza.

Smontaggio dei veicoli (Riciclo, Rigenerazione e Riutilizzo): alla fine del ciclo di vita, i veicoli diventano una preziosa fonte di componenti da rigenerare e riutilizzare o di materiale per il riciclo. I ricambi originali usati gestiti dall’Hub di Economia Circolare andranno a integrare lo stock disponibile presso il nostro partner B-Parts per alimentare l’offerta SUSTAINera Reuse.

 


L’Hub di Economia Circolare genererà efficienze e sinergie tra le attività e favorirà l’integrazione verticale di materiali e processi.


Stellantis sta sviluppando competenze, team e strutture per cambiare il modello di consumo, creando un ecosistema intelligente e integrato che riduce l’impatto ambientale e aiuta l’Azienda a raggiungere l’obiettivo di azzerare le emissioni nette di carbonio entro il 2038.


John Elkann, Presidente di Stellantis, e Carlos Tavares, CEO di Stellantis, hanno inaugurato l’attività dello stabilimento e preso parte alla cerimonia del taglio del nastro. L’apertura dell’Hub di Economia Circolare nel comprensorio di Mirafiori, sommato al recente annuncio dell’apertura del Battery Technology Center, rafforza la presenza di Stellantis in Italia e conferma l’impegno dell’Azienda nei confronti dei dipendenti italiani.


“L’Hub di Economia Circolare raccoglie competenze e attività volte a creare un centro di eccellenza in Europa,” ha dichiarato Carlos Tavares, CEO di Stellantis. “Stiamo industrializzando il recupero e il riutilizzo sostenibile dei materiali, dando vita a nuove tecnologie e competenze mentre cresciamo nel settore. Il nostro impegno nella rigenerazione, riparazione, riutilizzo e riciclo non solo alleggerirà la pressione sul nostro pianeta, ma porterà anche valore finanziario a Stellantis, salvaguardando il nostro futuro mentre trasformiamo il nostro modello di produzione e consumo”.


“Questo nostro ulteriore investimento a Torino dimostra l’impegno di Stellantis verso l’Italia nel contesto evolutivo del settore e anche la capacità delle comunità dove siamo presenti di rinnovarsi costruendo il loro futuro”, ha dichiarato il Presidente di Stellantis, John Elkann. “Quando tutti i soggetti coinvolti e Stellantis condividono la stessa ambizione e concordano su un percorso comune, le idee diventano realtà, e l’Hub di Economia Circolare che inauguriamo oggi ne è la prova. Sarà uno stabilimento modello nel settore automobilistico che coniuga rispetto ambientale e sviluppo economico”.


Stellantis ha investito 40 milioni di euro per dare vita a questo sito adottando un approccio di economia circolare: l’Hub occupa un’area totale di 73.000 metri quadrati, di cui 55.000 metri quadrati sono stati recuperati riconvertendo una struttura parzialmente inutilizzata e riciclando più di 5.000 tonnellate di metallo proveniente da risorse obsolete. Le attrezzature e i macchinari utilizzati nella struttura sono stati recuperati da altre sedi, garantendo un risparmio del 55% rispetto all’acquisto di nuove attrezzature. Il sito impiega attualmente 170 dipendenti qualificati. Si prevede che questo numero crescerà fino a circa 550 persone entro il 2025.


Oltre a supportare le sue attività primarie, l’Hub di Economia Circolare integra anche le recenti azioni di Stellantis volte a rafforzare il proprio ecosistema di elettrificazione globale e a sostenere le ambizioni di neutralità carbonica, tra cui:


collaborazione con Orano per il pretrattamento nel processo del riciclo delle batterie dei veicoli elettrici, per recuperare cobalto, nichel e litio dai veicoli a fine vita e dagli scarti delle gigafactory;

creazione della joint venture SUSTAINera Valorauto SAS con Galloo per la gestione dei veicoli a fine vita;

collaborazione con Qinomic per sviluppare la conversione elettrica dei veicoli commerciali leggeri. Il prototipo sarà presente (fino al 25 novembre) alla fiera Solutrans dell’Euroexpo di Lione, in Francia;

creazione di partnership strategiche per le materie prime e sei gigafactory, previste in Europa e Nord America; e,

apertura del primo Battery Technology Center nel comprensorio di Mirafiori, per testare e sviluppare internamente batterie per veicoli elettrici.

La Business Unit di Economia Circolare di Stellantis è una delle sette unità organizzative con forte potenziale di redditività annunciate nel piano strategico Dare Forward 2030, e punta a generare oltre 2 miliardi di euro di ricavi entro il 2030.


 


Stellantis


Stellantis N.V. (NYSE: STLA / Euronext Milan: STLAM / Euronext Paris: STLAP) è leader a livello mondiale nella produzione di veicoli e fornitore di mobilità. I suoi brand iconici e storici incarnano la passione dei fondatori visionari e dei clienti di oggi nei loro prodotti e servizi innovativi, tra cui Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Citroën, Dodge, DS Automobiles, Fiat, Jeep®, Lancia, Maserati, Opel, Peugeot, Ram, Vauxhall, Free2move e Leasys. Grazie alla diversità che ci alimenta, guidiamo il modo in cui il mondo si muove, aspirando a diventare la migliore azienda tecnologica di mobilità sostenibile, non la più grande, creando al contempo valore aggiunto per tutti gli stakeholder nonché per le community in cui opera. Per maggiori informazioni, consultare il sito www.stellantis.com.

Commenti

Post popolari in questo blog

Stellantis inizierà la produzione di veicoli elettrici a Luton a partire dal 2025

Stellantis produrrà furgoni elettrici nel suo stabilimento di Luton dal 2025 Luton diventerà il secondo stabilimento Stellantis nel Regno Unito a produrre veicoli elettrici, dopo la trasformazione di Ellesmere Port nel primo stabilimento di produzione in serie di soli veicoli elettrici del Regno Unito Luton produrrà furgoni elettrici di medie dimensioni per Vauxhall, Citroën, Peugeot e FIAT Professional Nel 2024 inizieranno i lavori per preparare l'impianto alla produzione limitata di furgoni elettrici medi, oltre alla produzione continua di furgoni ICE Lo stabilimento di Luton ha aperto i battenti nel 1905 e produce furgoni dal 1932 Stellantis è l'unico OEM che produce furgoni in grandi quantità nel Regno Unito   Stellantis ha annunciato che la produzione dei suoi furgoni elettrici medi inizierà nello stabilimento di Luton a partire dalla prima metà del 2025. La produzione limitata di furgoni medi completamente elettrici del gruppo inizierà nella primavera del prossimo anno, r

Top 50 in Italia a febbraio 2024

Dati vendita in Italia a febbraio

Fiat Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il soprannome con cui gli italiani l’hanno sempre chiamata. Sono orgoglioso di presentare questa serie speciale in un giorno speciale, infatti, posso anche annunciare che Panda continuerà a essere prodotta a Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La storia d'amore tra Panda e l'Italia continuerà così ancora per molti anni grazie ai nuovi investimenti che l'hanno resa la più tecnologica e sicura di sempre. Oggi c’è anche un altro motivo per celebrare la Panda: abbiamo infatti deciso di aumentare la produzione del 20% per soddisfare la domanda dei clienti in Italia e in Europa. Panda continua a essere leader di mercato in Italia e leader di segmento in Europa: ed è anche l'unica ibrida di segmento A del Gruppo".

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube (LINK), è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina"

FIAT offrirà propulsori elettrici, ibridi e ICE per soddisfare le esigenze dei clienti dovunque essi vivano nel mondo.

In un mercato globale della mobilità in continua evoluzione, ci sono coloro che sognano un futuro migliore e altri che compiono dei passi concreti verso un domani più sostenibile e responsabile. FIAT ha dimostrato che il futuro è già arrivato svelando la nuova famiglia di concept ispirata a Panda. Il primo nuovo prodotto sarà rivelato il prossimo luglio seguito dal lancio di un nuovo modello all’anno fino al 2027. La nuova serie di modelli è stata progettata per conquistare le strade di tutto il mondo e completare la gamma del marchio. Grazie a Stellantis, FIAT ha accesso a una nuova piattaforma globale, sulla quale FIAT ha aggiunto la sua creatività italiana: una ricetta che unisce bellezza e soluzioni semplici. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis in un video girato a Ginevra -frazione del comune di Castenedolo in provincia di Brescia che ha lo stesso nome della città Elvetica in cui si tiene il Salone dell'Auto- alla guida di una

Come funziona il propulsore Mild Hybrid di Fiat Panda

Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elevata. Il basamento cilindri, sviluppato in collaborazione con Teksid, è realizzato in lega d’alluminio pressofuso ad alta pressione con canne cilindri in ghisa cofuse, contribuisce sia a ridurre i tempi di warm-up sia a contenere il peso del motore in appena 77 kg. Inoltre, la massimizzazione dell’efficienza passa anche attraverso la riduzione deg

Nuova Fiat Panda 2024

La prima nuova Fiat in arrivo è la City Car. Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico

Fiat Panda 4x4

La passione per le sfide appartiene anche alla seconda generazione di Panda 4x4, quella che nasce sulla base del nuovo modello che fa il suo esordio nel 2004 aggiudicandosi, per la prima volta per una compatta del segmento A, il prestigioso titolo “Car of the Year 2004”. Prodotta nello stabilimento polacco di Tychy, i primi esemplari della seconda generazione sono proprio la Panda 4x4 e la sua variante “Climbing”, alle quali si aggiungerà, a partire dal 2005, la versione Cross che si caratterizza per un frontale inedito, un paraurti totalmente ridisegnato e nuovi fari circolari. Due le motorizzazioni in gamma: il 1.2 a benzina da 60 CV e, dalla fine del 2005, il turbodiesel 1.3 Multijet da 69 CV, che ha contribuito in maniera decisiva a fare della Panda 4x4 la fuoristrada più venduta in Italia per tre anni consecutivi (2006, 2007 e 2008). La maggiore novità è rappresentata dal passaggio dalla trazione integrale inseribile della prima Panda 4x4 a un sistema di trazione integrale permane

Nuova Lancia Ypsilon HF

Rendering di Motor1.com Nel 2025 arriverà la Nuova Lancia Ypsilon HF. Le modifiche comprenderanno assetto ribassato, larghezza aumentata, nuova taratura per lo sterzo e altro ancora. Le batterie potrebbero essere le stesse da 51 kWh della Lancia Ypsilon 2024, dove dichiarano fino a 403 km di autonomia. Per quanto riguarda le prestazioni è stato dichiarato che lo 0-100 sarà completato in 5,8". Esteticamente è facile immaginare la presenza di nuovi dettagli sportivi come ala posteriore e splitter anteriore. Luca Napolitano, CEO di Lancia, ha annunciato che a maggio verrà presentata l'intera gamma della nuova Ypsilon, sia in versione elettrica sia con motore ibrido. Nel mese di giugno Lancia sarà alla Mille Miglia e sarà l'occasione per conoscere meglio la nuova Lancia Ypsilon HF, che arriverà nel 2025 e il piano per il Motorsport. La nuova Lancia Ypsilon HF avrà 240 CV.