Passa ai contenuti principali

Stellantis Heritage a Milano AutoClassica: il debutto della Fiat Multipla 6x6 e il tributo ad Autodelta



Sarà la prestigiosa e modernissima Fiera di Milano-Rho a ospitare la tredicesima edizione del salone Milano AutoClassica (17-19 novembre)
Tra i protagonisti della manifestazione, divenuta un punto di riferimento per gli appassionati di auto classiche e sportive, brilla Stellantis Heritage che parteciperà con 3 vetture
Un insolito accostamento tra una Fiat Multipla - simpaticamente definita “6x6” - personalizzata da Roberto Giolito (Head of Stellantis Heritage) e due Alfa Romeo: una rara Giulia TZ e un prototipo dell’Alfasud Sprint col motore centrale, entrambe realizzate dall’Autodelta, reparto corse dell’Alfa Romeo, di cui quest’anno ricorre il sessantesimo anniversario (1963-2023)
Con questa partecipazione, Stellantis Heritage ribadisce la sua missione di tutela e divulgazione dei valori intramontabili dei marchi automobilistici italiani, di cui custodisce una collezione di oltre 300 vetture d’epoca aperta al pubblico, presso la sede di Torino (Heritage Hub) e il museo storico Alfa Romeo ad Arese (Milano)
Per tutti coloro che visiteranno Milano AutoClassica è riservata una promozione speciale sul prezzo del biglietto per visitare Heritage Hub
 
Il salone Milano AutoClassica fa tredici e conferma il suo ruolo di riferimento per appassionati, collezionisti, Musei e Club del settore dell’automobilismo d’epoca. A questo prestigioso appuntamento presso la Fiera di Milano-Rho (17-19 novembre) non poteva mancare Stellantis Heritage, custode degli intramontabili valori dei marchi automobilistici italiani Abarth, Alfa Romeo, Fiat e Lancia.

Tra le tematiche che Stellantis Heritage affronterà nel suo stand a Milano AutoClassica, non c’è dubbio che Heritage Hub sia una delle principali. Parliamo dello spazio espositivo in Via Plava a Torino che ospita una collezione di oltre 300 automobili d’epoca, vetture che hanno scritto pagine importanti dell’automobilismo italiano e mondiale. Ma non solo. Anche prototipi unici, show car, un’esposizione dedicata ai propulsori d’epoca e tantissimo altro. Per tutti i visitatori di Milano AutoClassica sarà riservata una promo speciale con uno sconto del 20% sul biglietto Heritage Hub per le visite in calendario dal 20 novembre al 5 dicembre 2023.

Il secondo tema sarà Reloaded by Creators, il progetto di Heritage che prevede la vendita di un numero limitato di vetture classiche dei brand Alfa Romeo, Fiat, Lancia, Abarth: modelli storici, dall'autenticità certificata e riportati alla bellezza originaria direttamente dalla Casa Madre. Nell’ambito di questo progetto, a 25 anni dal suo debutto a Francoforte, Heritage realizza una Fiat Multipla 6x6 esclusiva da collezione, che sarà esposta per la prima volta proprio a Milano AutoClassica. Una One-Off in vendita che porta la firma del designer Roberto Giolito, ora Head of Stellantis Heritage, “papà” del modello del 1998.

E, dulcis in fundo, lo stand ospiterà due Alfa Romeo realizzate dall’Autodelta di cui quest’anno ricorre il sessantesimo anniversario (1963-2023): una Giulia TZ (Tubolare Zagato) del 1963 e un prototipo dell’Alfasud Sprint 6C del 1983. Esaminiamo in dettaglio i tre gioielli d’epoca:
 

Fiat Multipla “6x6” (1998)
Un esordio assoluto. Si tratta infatti di una vettura usata, recuperata da Stellantis Heritage e rimessa a nuovo presso le Officine Classiche di Torino, il team di Stellantis Heritage dedicato proprio ai servizi di Certificazione di Autenticità e Restauro. Un progetto nato dalla fervida mente di Roberto Giolito, oggi Head of Stellantis Heritage, ma “papà” sia del modello presentato al Salone di Francoforte nel 1997, sia dei sei personaggi inventati per raccontare, in modo simpatico e anticonvenzionale, la vita a bordo del rivoluzionario modello Fiat, il primo del suo segmento ad offrire spazio per sei passeggeri in due file di tre sedili. Dichiara il designer: “Queste sei personalità, questi sei modi di vedere l’auto, tornano a vivere dentro e fuori dalla prima Multipla da collezione creando un tributo gioioso, in pieno stile Fiat, a un modello che, dopo 25 anni, continua ancora ad interessare il mondo e a suggerire modi nuovi di trasportare e di ospitare le persone. Ecco perché sei personaggi curiosi per sei maniere diverse di viverla, danno vita alla Multipla 6x6”.

Questi fumetti finirono sulle t-shirt e i puzzle della linea accessori del modello facendo breccia nel cuore del pubblico: dall’esploratore al bambino pilota con casco, dalla signora attraente intenta a truccarsi all’elegante manager con laptop, dal frate al giovane ribelle degli anni Settanta, ognuno a modo suo rappresentava la libertà di esprimere le proprie inclinazioni in una vettura rivoluzionaria, dal design inconfondibile e simpatico, un esempio concreto di come le sue ingegnose soluzioni potevano davvero migliorare la qualità della vita a bordo.

La livrea Turchese Bio di questa unità, che richiama gli spazi aperti e il mare, fa da sfondo al disegno complessivo dei sei personaggi applicato sul cofano e sulle fiancate, mentre i soggetti singoli sono riportati sui sedili. Il blu della parte superiore trova il suo elegante contrasto con la colorazione Grey White destinata alla parte inferiore della vettura, più precisamente su modanature, ruote e paraurti.

La vettura esposta è in vendita, nell’ambito del progetto “Reloaded by Creators”: è possibile ricevere informazioni scrivendo al seguente indirizzo mail, accedendo al sito (link) oppure rivolgendosi al team Heritage che sarà presente al Salone di Milano AutoClassica.
 

Alfa Romeo Giulia TZ (1963)
Uno dei modelli più vincenti della gloriosa storia sportiva dell’Alfa Romeo, il primo in assoluto a essere attribuito all’Autodelta, di cui quest’anno ricorre il sessantesimo anniversario. Questa struttura, nata originariamente nel 1963 nei pressi di Udine, venne trasferita nel 1965 a Settimo Milanese per gestire l’attività agonistica dell’Alfa Romeo, in una sede fisicamente staccata dallo stabilimento produttivo e con una discrezionalità sufficiente a prendere rapidamente decisioni tecniche e sportive. Il Presidente Giuseppe Luraghi affidò all’Ing. Carlo Chiti la gestione del ritorno ufficiale dell’Alfa Romeo nelle competizioni internazionali e la Giulia TZ dimostrò immediatamente la bontà di queste decisioni: esordio in pista a Monza, in occasione della “Coppa Fisa” dell’ottobre del 1963, con le quattro vetture iscritte che si piazzano ai primi quattro posti.
La Giulia TZ, dotata di telaio tubolare (da qui l’origine della denominazione “Tubolare Zagato”), del motore della “Giulia”, il quattro cilindri bialbero in alluminio da 1570 cc, e di una carrozzeria disegnata da Zagato, diventa subito protagonista: negli anni successivi vince la “Coupe des Alps” e il “Tour de Corse”, si aggiudica la classe alla “24 ore di Le Mans”, alla “Targa Florio” e al “Tour de France Auto”, oltre ad altre numerose competizioni.
La “TZ2” del 1965, considerata una tra le più belle vetture da corsa mai realizzate, evolve i concetti espressi con la precedente Giulia TZ: le prestazioni aumentano considerevolmente così come il rendimento aerodinamico e la sofisticazione della meccanica.
La vettura in mostra fa parte della collezione di Stellantis Heritage ed è collocata in esposizione presso il museo storico Alfa Romeo di Arese.
 

Alfasud Sprint 6C (1983)
Nell’ambito dell’attività di ricerca e sviluppo legata alle competizioni, nel 1982 l’Autodelta realizza un primo prototipo di un’Alfasud Sprint equipaggiata con il motore “V6” da 2,5 litri (lo stesso della GTV 6) da 158 cv, collocato in posizione centrale posteriore longitudinale: la vettura viene denominata “Sprint 6C” e, anche grazie al peso di soli 990 kg, “vola” a 215 km/h.

Le sospensioni anteriori rimangono invariate mentre al posteriore viene adottato uno schema a ruote indipendenti, le carreggiate vengono allargate, l’abitabilità è limitata a soli due posti. Plancia e cruscotto sono quelli dell’Alfasud Sprint, arricchiti con finiture pregiate. Alcuni elementi estetici della carrozzeria anticipano la nuova gamma “Sprint” presentata nell’83: gruppi ottici anteriori e posteriori, calandra, paraurti e retrovisori.

Viene poi realizzato un secondo prototipo della Sprint 6C, molto simile al primo, con un pianale predisposto ad accogliere l’albero di trasmissione della trazione integrale per un eventuale impiego agonistico nel Gruppo B dei rally: l’Alfa Romeo però decide di rimanere focalizzata sulle competizioni in pista e il secondo esemplare della Sprint 6C resta un esercizio tecnico.

Commenti

Post popolari in questo blog

Presentazione della nuova Jeep Avenger 4xe: trazione integrale per aumentare divertimento e libertà

Il marchio Jeep® presenta l'Avenger 4xe, che unisce il look distintivo, la compattezza e la versatilità dell'Avenger con le prestazioni del sistema di trazione integrale del marchio Jeep. La versione 4xe esalta il divertimento fuoristrada, la manovrabilità in tutte le condizioni atmosferiche e lo stile distintivo del popolare Avenger, che presenta il propulsore ibrido da 48 volt con tecnologia di trazione integrale esclusiva Jeep combinata con il cambio automatico a doppia velocità -trasmissione della velocità. L'esclusivo sistema di trazione integrale Jeep consente al 4x4 di essere sempre disponibile quando necessario, senza compromettere l'efficienza del carburante. Inoltre, la funzione Selec Terrain consente al conducente di scegliere la modalità appropriata in ogni situazione. Nuovo sistema di sospensione posteriore Multilink, sviluppato da Jeep per fornire una maggiore articolazione sull'asse posteriore, con conseguente maggiore comfort su strade sconnesse. Il

Novità in arrivo per nuova Lancia Ypsilon, ma anche sul marchio stesso

A nome di Luca Napolitano, CEO del marchio Lancia, vi segnalo la conferenza stampa digitale all'insegna del motto “NUOVA YPSILON. 1 AUTO, 4 DICHIARAZIONI”. 27 Maggio 2024 - 15:00. La Lancia Ypsilon inaugura una nuova era per il tradizionale marchio italiano. Restate sintonizzati per vedere quali novità annuncerà l'amministratore delegato di Lancia sulla nuova Lancia Ypsilon, ma anche sul marchio stesso.

Lancia: Storia di un'Eccellenza Italiana

Nel panorama dell'industria automobilistica italiana, pochi marchi hanno saputo incarnare l'eleganza, l'innovazione e la tradizione come la Lancia. Fondata nel 1906 a Torino da Vincenzo Lancia e Claudio Fogolin, l'azienda ha lasciato un'impronta indelebile nel mondo dell'automobile, sia sulle piste di gara che sulle strade di tutti i giorni. L'inizio di un'epopea Lancia ha mosso i suoi primi passi nel settore automobilistico con il modello "Tipo 51", lanciato nel 1907. Questa vettura, caratterizzata da un design all'avanguardia e da soluzioni tecniche innovative, ha posto le basi per la reputazione di eccellenza tecnica del marchio. Nel corso degli anni successivi, Lancia ha continuato a stupire il mondo con modelli iconici come la Lambda, la prima auto di serie con struttura portante in acciaio, e la Aurelia, pioniera nell'adozione del cambio automatico. L'eleganza senza tempo Lancia non si è mai limitata a produrre semplici automo

Tecnologia e-Hybrid anche su Jeep Renegade e Compass

Il powertrain e-Hybrid gestisce il sistema di propulsione senza soluzione di continuità, alternando in maniera automatica motore 100% elettrico, ibrido e a combustione interna anche sulle rinnovate Renegade e Compass MY24. I due SUV, dotati di propulsore turbo GSE T4 da 1500 cm3, integrano un gran numero di funzionalità e componenti innovativi, pensati per migliorare efficienza e prestazioni. Il fulcro è rappresentato dal motore GSE T4, un quattro cilindri turbobenzina con ciclo di funzionamento Miller che genera 130 CV e 240 Nm di coppia massima, assicurando potenza ma anche risparmio di carburante. Un altro elemento fondamentale è costituito dal sistema ibrido. Questo integra un meccanismo di frenata intelligente che consente di sfruttare l'energia in fase di decelerazione grazie alla frenata rigenerativa. Il motore è completato da un meccanismo di generazione dell'avviamento azionato a cinghia (Belt Starter Generator, BSG). Questo componente facilita la ripartenza del propul

Informazioni sull'attuale campagna di richiamo degli airbag Takata

In merito alle numerose campagne di richiamo degli airbag Takata attuate a partire dal 2020, Stellantis chiede ora ai proprietari/possessori dei modelli Citroën C3 e DS Automobiles DS 3 prodotti dal 2009 al 2019 oggi non più commercializzati, e che si trovano in alcune aree europee del Mediterraneo, di interrompere immediatamente la guida di questi veicoli e di accedere al sito web riportato di seguito - o di scansionare il codice QR presente sulla lettera inviata a tutti i clienti interessati - per procedere a un semplice processo di verifica per consentire la raccolta di informazioni importanti che permetteranno di effettuare le operazioni di riparazione necessarie nel più breve tempo possibile. Per accedere al processo di controllo, utilizzare il seguente link: https://www.citroen.it/post-vendita/campagne-di-richiamo.html Dopo aver effettuato la verifica, i clienti verranno informati sui passaggi necessari per la sostituzione dell'airbag e, se necessario, sulle opzioni di mobili

L’evoluzione di un’icona: debutta la nuova Citroën C3

Dopo aver rivoluzionato il mercato con l'introduzione della nuovissima ë-C3 e dell’Elettrico Sociale Citroën, il brand prosegue nella fase di lancio aprendo gli ordini dell'altrettanto nuova C3 equipaggiata con il propulsore 1.2 PureTech S&S da 100 CV. La nuova C3 sostituisce un modello iconico che ha costruito il proprio successo su uno stile inconfondibile e un comfort unico. Ne mantiene le qualità e ne rafforza il carattere accessibile, offrendo però molto di più. Più carattere, con un design moderno e deciso, che inaugura il nuovo linguaggio stilistico di Citroën, e un aspetto mutuato dai codici estetici dei SUV. Più comfort a bordo, con l'adozione delle sospensioni Citroën Advanced Comfort®, a complemento dei sedili Advanced Comfort ridisegnati e del concetto C-Zen lounge sulla plancia. Più spazio e facilità di accesso, pur mantenendo lo stesso ingombro e la stessa agilità. Più accessibilità con design, comfort a bordo e tutte le dotazioni previste a partire da sol

Lancia torna in Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi

Oggi Lancia scrive un nuovo capitolo del proprio piano di rinascimento, entrando nei primi mercati europei: Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi. La nuova Lancia Ypsilon sarà la prima vettura della nuova era del marchio, disponibile nei due mercati a partire da giugno, nelle versioni elettrica e ibrida. Per il ritorno del marchio in questi Paesi, Lancia sarà supportata da una forza vendita dedicata e certificata, che opererà in una rete completamente nuova, formata da 9 nuovi showrooms in Belgio, 6 nuovi showrooms nei Paesi Bassi e 1 showroom in Lussemburgo, con rispettivamente 12, 6 e 1 punti di assistenza post-vendita. Nuova Lancia Ypsilon è supportata da Free2move Charge, un ecosistema completo e integrato che offre la “RICARICA A CASA TUA, SENZA PENSIERI”, semplicità e tranquillità per esigenze di viaggio illimitate, con accesso ad oltre 600.000 punti di ricarica pubblica in Europa. Dopo Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi, Lancia tornerà in Francia e Spagna entro il 2024, e poi in Germ

Jeep Avenger 4xe

Jeep presenta l'Avenger 4xe, che unisce il look distintivo, la compattezza e la versatilità dell'Avenger con le prestazioni del sistema di trazione integrale del marchio Jeep. La versione 4xe esalta il divertimento fuoristrada, la manovrabilità in tutte le condizioni atmosferiche e lo stile distintivo del popolare Avenger, che presenta il propulsore ibrido da 48 volt con tecnologia di trazione integrale esclusiva Jeep combinata con il cambio automatico a doppia velocità -trasmissione della velocità. L'esclusivo sistema di trazione integrale Jeep consente al 4x4 di essere sempre disponibile quando necessario, senza compromettere l'efficienza del carburante. Inoltre, la funzione Selec Terrain consente al conducente di scegliere la modalità appropriata in ogni situazione. Nuovo sistema di sospensione posteriore Multilink, sviluppato da Jeep per fornire una maggiore articolazione sull'asse posteriore, con conseguente maggiore comfort su strade sconnesse. Il veicolo abbi

Stellantis annuncia cambiamenti nel suo Leadership Team

Stellantis ha annunciato oggi i seguenti cambiamenti operativi dal 1° giugno 2024. Chris Feuell viene nominata CEO del marchio Ram, oltre alla sua attuale responsabilità come CEO del marchio Chrysler, sostituendo Timothy Kuniskis che ha deciso di andare in pensione dopo quasi 32 anni con l’Azienda. Chris continuerà a guidare la trasformazione elettrica di Chrysler e assumerà la leadership di Ram. Matt McAlear viene nominato CEO del marchio Dodge, sostituendo Timothy Kuniskis. Matt diventerà un membro del Top Executive Team. Nel suo ruolo precedente, ha guidato le operazioni commerciali di Dodge e ha una vasta esperienza nel settore automobilistico, nonché nei settori medico e digitale, che gli fornisce le basi per guidare il marchio Dodge. “Voglio cogliere l’occasione per ringraziare calorosamente Tim per la sua passione, il suo impegno e il suo contributo a Stellantis e per aver definito la visione del futuro elettrificato dei marchi Ram e Dodge. Gli auguro il meglio per il suo pensio

Citroën Ë-C4 X svela la storia della Rocca di Angera

Sulla sponda lombarda del lago Maggiore, ad Angera l'omonima Rocca rivendica la sua posizione strategica per il controllo dei traffici e la storia legata alla casata dei Visconti: un itinerario da scoprire a bordo di Citroën Ë-C4 X. Le tecnologie di Citroën Ë-C4 X rimandano alle migliori tradizioni del brand francese, ad iniziare dalle tecnologiche sospensioni, i sedili dal confort avanzato e la possibilità di scelta tra due livelli di potenza in elettrico. Nel mese di aprile, Ë -C4 ed Ë-C4 X hanno ottenuto il primato nel proprio segmento tra i privati, con una segment share del 30,5%, in forte crescita di 26,6 punti percentuali rispetto allo stesso mese dello scorso anno.   La Rocca di Angera prende il nome dall’omonima cittadina che si affaccia sulla sponda lombarda, ed è un autentico punto di riferimento per il lago Maggiore, anche dalla sponda piemontese, dove spicca nella vista da Arona. Ancora oggi in eccellenti condizioni, questo monumento dalla lunga storia ha più di un mot