Passa ai contenuti principali

Stellantis e Orano stipulano un accordo per il riciclo delle batterie dei veicoli elettrici



La partnership con Orano supporterà Stellantis nella gestione sostenibile dei materiali che compongono le batterie dei veicoli elettrici per consentirle di diventare, entro il 2038, un’azienda a zero emissioni nette di carbonio, come delineato nel piano strategico Dare Forward 2030

Il cobalto, il nichel e il litio riciclati rafforzano l’approccio all’economia circolare di Stellantis e contribuiranno a soddisfare la direttiva dell’Unione Europea (UE) 2031 che prevede l’utilizzo di materiali riciclati nelle batterie nuove

La partnership fa parte delle prime iniziative di settore per sostenere a livello globale un approccio di economia circolare nel modello di produzione e consumo 

 

Stellantis N.V. e Orano hanno annunciato oggi la firma di un memorandum d’intesa per la creazione di una joint venture incentrata sul riciclo delle batterie dei veicoli elettrici a fine vita e materiali di recupero provenienti dalle gigafactory in Europa allargata e Nord America. Questo accordo rafforza la posizione di Stellantis nella catena del valore delle batterie per veicoli elettrici e assicura un ulteriore accesso a cobalto, nichel e litio necessari per l’elettrificazione e la transizione energetica.


“Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite hanno evidenziato la necessità di trovare soluzioni come questa, con Orano, per affrontare la sfida della scarsità di risorse naturali e della sostenibilità”, ha dichiarato Alison Jones, Senior Vice President della business unit Economia Circolare di Stellantis. “Guidata dal piano strategico Dare Forward 2030, Stellantis si impegna a trasformare il proprio modello di produzione e consumo per rispettare il proprio impegno verso l’economia circolare”.


La joint venture si avvale della tecnologia innovativa a basse emissioni di carbonio di Orano, che si distacca dai processi esistenti consentendo il recupero di tutti i materiali dalle batterie agli ioni di litio e la produzione di nuovi materiali per i catodi. L’accordo consentirà di produrre materiali noti anche come “massa nera” o “massa attiva”. Questi potranno essere raffinati nell’impianto idrometallurgico di Orano che sarà realizzato a Dunkerque, in Francia, per consentirne il riutilizzo nelle batterie e chiudere così il ciclo dell’economia circolare.


Grazie all’innovativo approccio di pretrattamento e a una tecnologia idrometallurgica all’avanguardia, il tasso di recupero dei metalli può raggiungere livelli eccezionali, superiori al 90%. Ciò consente agli OEM di centrare i livelli di riciclo richiesti dalla Commissione Europea per le batterie dei veicoli elettrici e di garantire la sostenibilità del modello di business. Nel contesto di una maggiore domanda di metalli strategici e di una forte dipendenza dell’Europa da questi stessi metalli, Orano rappresenta un attore chiave nella catena del valore integrata, dal riciclo delle batterie alla produzione di materiali per i catodi.


“Siamo estremamente soddisfatti di questa partnership, che ci consente di lavorare al riciclo delle batterie elettriche usate con un attore importante come Stellantis”, ha dichiarato Guillaume Dureau, Director of Innovation, R&D and Nuclear Medicine, Magnets and Batteries del Gruppo Orano. “Siamo orgogliosi di contribuire con la nostra esperienza, il nostro know-how e il nostro processo innovativo e rivoluzionario che consente di realizzare un vero e proprio ciclo chiuso. Orano continua a lavorare con impegno per sviluppare un’economia a basse emissioni di carbonio grazie al riciclo di materiali strategici per favorire la transizione energetica e l’adozione di un’economia circolare”.


Nell’ambito del piano strategico Dare Forward 2030 di Stellantis, la business unit Economia Circolare mira a decuplicare i ricavi ottenuti dal riciclo e a ottenere ricavi totali per oltre 2 miliardi di euro dall’economia circolare entro il 2030. Stellantis sta lavorando per diventare un’azienda a zero emissioni di anidride carbonica in tutti gli ambiti entro il 2038, con una percentuale di compensazione a una cifra per le emissioni rimanenti.


La nuova entità commerciale dedicata fornirà ai partner di Stellantis, alla sua rete post-vendita e ad altri OEM una soluzione per gestire le batterie a fine vita e i materiali di recupero provenienti dalle gigafactory. La produzione inizierà nella prima parte del 2026, riutilizzando gli asset e le strutture esistenti di Stellantis. Gli investimenti per la riqualificazione e l’aggiornamento professionale dei dipendenti di Stellantis e Orano apriranno prospettive sostenibili per il personale che ricoprirà nuovi incarichi.


La joint venture è soggetta all’approvazione della documentazione definitiva.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fiat Grande Panda: presentazione 11 luglio 2024

FIAT ha presentato la nuova Grande Panda, un modello globale che segna un'evoluzione significativa per il marchio. Ispirata alla Panda degli anni '80, la Grande Panda è un'auto compatta del segmento B, lunga meno di 4 metri, progettata per soddisfare le esigenze delle famiglie e della mobilità urbana in diverse regioni del mondo. Questo veicolo sarà disponibile in versioni elettrica e ibrida, con un design dinamico e un utilizzo intelligente dello spazio interno. Progettata dal Centro Stile di Torino, la Grande Panda combina linee strutturate e superfici morbide, con un look distintivo che celebra l'eredità italiana del marchio. La Grande Panda è il primo di una nuova serie di modelli che FIAT lancerà annualmente fino al 2027, tutti basati sulla piattaforma globale multi-energy Smart Car Platform, per offrire soluzioni diversificate e innovative ai clienti di tutto il mondo.

Fiat Giga Panda

Dopo la nuova Fiat Grande Panda arriverà uno spazioso SUV familiare, una sorta di “Giga-Panda”. In linea con il ruolo FIAT di leader della mobilità accessibile, innovativa e sostenibile, il veicolo è un'ulteriore conferma della particolare attenzione che il brand riserva alle esigenze di trasporto delle famiglie. Il concept soddisfa le richieste dei clienti più esigenti in termini di sicurezza, versatilità e design, offrendo spaziosità e robustezza alle famiglie di tutto il mondo. 

“Il lato oscuro della sportività”: i modelli Super Sport di Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio e Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio

I modelli speciali limitati Super Sport delle versioni Quadrifoglio dell'Alfa Romeo Giulia e dell'Alfa Romeo Stelvio si rivolgono ai collezionisti. L'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio Super Sport sarà costruita solo 275 volte, l'Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio Super Sport solo 175 volte - solo pochi esemplari sono ancora disponibili in Germania. I punti salienti dell'equipaggiamento includono un logo Quadrifoglio nero, componenti aggiuntivi in ​​fibra di carbonio e sedili sportivi nel design VELOCE. L'Alfa Romeo 6C 1500 Super Sport del 1928, vincitrice della Mille Miglia, dà il nome agli esclusivi modelli speciali; L'edizione di quest'anno è stata accompagnata dagli attuali modelli speciali Super Sport. “Il lato oscuro della sportività” - così Alfa Romeo caratterizza la propria serie speciale di modelli Quadrifoglio per Giulia e Stelvio. Verranno prodotte solo 275 esemplari dell'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio Super Sport. Il numero delle Alfa Romeo Stel

Lancia festeggia l'apertura dei primi 6 showroom nel Belux

Si è svolta l'inaugurazione dei primi 6 showroom Lancia nel Belux (ad Aartselaar, Overijse, Kortrijk, Gent, Charleroi e Betrange Luxembourg). La rete distributiva Belux di Lancia sarà composta da 10 showroom entro la fine del 2024 (a cui si aggiungeranno Drogenbos, Hasselt, Namur e Herstal). Lancia sta portando avanti il ​​suo piano strategico decennale che prevede l'introduzione di 3 nuovi modelli, un nuovo modello ogni due anni. Il piano prevede un’ambiziosa strategia di elettrificazione, un ritorno del marchio in Europa e una rete di oltre 70 nuovi concessionari in 70 principali città europee. In questo piano strategico il Belux ha avuto la priorità in primo luogo per l'amore e la passione per lo stile italiano, in secondo luogo per il potenziale di vendita online e in terzo luogo per le dimensioni nel segmento B premium. La nuova Lancia Ypsilon, ora negli showroom, racconta quattro storie: piacere di guida e benessere a bordo; tecnologia semplice ed intuitiva; elettrifi

L’universo FIAT e Disney Italia si incontrano ancora una volta: Fiat 600 Hybrid e il nuovo film d’animazione Disney e Pixar “Inside Out 2” insieme per regalare nuove emozioni

FIAT rinnova la sua magica collaborazione con Disney Italia portando sul palco, dopo la realizzazione delle cinque versioni uniche a tema della Fiat Topolino in occasione del centenario Disney, la Fiat 600 Hybrid e il film d’animazione “Inside Out 2”. Fiat 600 Hybrid che segna il ritorno di Fiat nel segmento B, grazie alle sue caratteristiche distintive, non solo accoglie i nuovi sentimenti introdotti nel film, ma li trasforma in un'esperienza di guida unica e positiva. Il 17 giugno, a Roma, si è tenuta la prima dell’attesissimo sequel, offrendo un'opportunità unica per godersi il film e ammirare la Fiat 600 Hybrid che ha sfilato per le vie della capitale ed è stata esposta per celebrare per celebrare l'evento.   FIAT rinnova la sua magica partnership con Disney Italia, inaugurata con la realizzazione delle cinque uniche versioni a tema della Fiat Topolino in occasione del centenario Disney. In questa nuova fase di collaborazione, entrambe le parti presentano nuovi protagon

Video nuova Fiat Grande Panda

Grande Panda: il nuovo modello globale di FIAT FIAT svela le prime immagini della nuova Grande Panda, primogenita della nuova famiglia ispirata alla Panda degli anni '80, un’auto compatta che risponde alle esigenze dei clienti di tutto il mondo. Fiat Grande Panda è il primo modello di una nuova gamma globale basata su una piattaforma multi-energy. Con questo nuovo modello inizia il passaggio del marchio FIAT da una produzione locale a una offerta globale sviluppata da una piattaforma comune. La Grande Panda arriverà prima in Europa, Medio Oriente e Africa e sarà disponibile nelle versioni elettrica e ibrida. La Grande Panda si presenta come un veicolo del segmento B sotto i 4 metri di lunghezza, con linee semplici e uno spazio a bordo ben organizzato per cinque passeggeri grazie al volume compatto, perfetto per il confort delle famiglie e della mobilità urbana odierna. FIAT è una delle case automobilistiche in attività più longeve, un brand globale che vanta oltre un secolo di stor

Nicola Larini e l’epopea vittoriosa dell’Alfa Romeo nelle competizioni Turismo

Dal 1992 al 2007 Alfa Romeo ha dominato le corse della categoria Turismo, prima con la 155 e poi con la 156, scrivendo pagine indimenticabili nella storia del motorsport e conquistando decine di campionati in Italia, Germania, Regno Unito e Spagna. I primi successi arrivano già nel 1992 con Nicola Larini che conquista il Campionato Italiano Superturismo con la 155 GTA e l’anno successivo il Campionato Tedesco Turismo (DTM) con la 155 V6 TI, infrangendo tutti i record in quello che allora era considerato il campionato più prestigioso per le vetture turismo. Agli inizi del Novanta la griglia del DTM era formata esclusivamente da costruttori tedeschi. Fino al 1993, quando l'Alfa Romeo decise di partecipare ufficialmente con la 155 V6 Ti guidata dai piloti Alessandro Nannini e Nicola Larini e con altre vetture affidate a team semi-ufficiali. Il suo esordio fu strepitoso: nel primo appuntamento di Zolder (Belgio) la 155 V6 Ti si aggiudica la vittoria in entrambe le manches. A fine stagi

Quando l'Alfa Romeo era un costruttore di motori aeronautici che produceva anche automobili

Attualmente riconosciuto come un marchio automobilistico premium dall'inconfondibile DNA sportivo, Alfa Romeo è legata al mondo dell'aviazione fin dalle sue origini. Il primo veicolo a lasciare gli stabilimenti del Portello nel 1910 non fu un'auto, ma un biplano equipaggiato con una versione adattata del motore Alfa 24 HP. Nei decenni successivi i motori Alfa Romeo ebbero un grande successo internazionale per le loro prestazioni e affidabilità, stabilendo diversi record mondiali. Gli anni '30 furono il periodo d'oro dell'Alfa Romeo come produttrice di motori aeronautici, attività che rappresentava l'80% del suo fatturato e che fu il seme dell'attuale stabilimento Stellantis di Pomigliano d'Arco.   Madrid, 20 giugno 2024 – Nel 1910, l'imprenditore italiano Ugo Stella decise di creare il proprio marchio automobilistico, che chiamò ALFA, con ingegneri come Giuseppe Merosi, tecnici come Antonio Santoni e collaudatori e piloti da competizione nella su

Produzione FIAT Panda a Pomigliano d'Arco - Napoli

Fiat Multipla Hybrid Power

La Fiat Multipla Hybrid Power era frutto di un appassionato lavoro di ricerca e sviluppo guidato da motivazioni ecologiche e quindi assomma le migliori tecnologie disponibili all'epoca per garantire obiettivi ambiziosi in termini di riduzioni delle emissioni allo scarico e di consumo di combustibile. Merito della scelta operata dai progettisti di Fiat che hanno sfruttato le possibilità offerte dalla doppia trazione (elettrica e termica) in modo originale ed innovativo per quel periodo. Da un lato, per garantire alla vettura non solo consumi ridotti (6,8 l/100 km contro gli 8,6 fatti registrare nel ciclo combinato dalla stessa vettura equipaggiata con il solo motore termico) ma anche - e soprattutto - emissioni decisamente inferiori: in media del 50% nel funzionamento in modalità ibrida. Dall'altro per assicurare alla vettura una vera flessibilità di impiego. Multipla Fiat Hybrid Power all'occorrenza poteva viaggiare con la spinta del solo motore elettrico. In città, insomma